alpadesa
  
Flash news:   Il Comune di Atripalda torna a soccombere dinanzi al Giudice di Pace di Avellino, l’avvocato Aquino: «L’autovelox va posto in lockdown» Coronavirus, un nuovo caso in Irpinia: è di Casalbore Coronavirus, meno di 200 nuovi contagi e altre 60 vittime in un giorno Ciclismo, presentata la formazione A.S. “Civitas-Profumeria Lucia“ per la stagione agonistica 2020 Bando di gara per la progettazione definitiva ed esecutiva per i lavori di adeguamento sismico alla scuola dell’Infanzia “Nicola Adamo” di Atripalda Playoff: l’Avellino ci sarà Coronavirus, in Irpinia nuovo positivo ad Ariano. Effettuati 116 tamponi Polemiche movida avellinese, don Fabio si rivolge agli assenti: “grazie per essere giovani di senso” Coronavirus, contagi sotto quota 400 e le vittime scendono a 75 in 24 ore Movida ad Avellino, “IDEA Atripalda“ contro il sindaco Gianluca Festa: “chieda scusa e si dimetta”

Insiste per il ricovero aggredendo pattuglia dei Carabinieri, arrestato pregiudicato atripaldese

Pubblicato in data: 15/5/2010 alle ore:10:15 • Categoria: Cronaca

stazione-carabinieri-atripaldaNella serata di ieri, 14 maggio 2010, i militari della Stazione Carabinieri di Atripalda (foto), su richiesta di alcuni condomini di Largo Annunziata, sono intervenuti a causa di alcuni danneggiamenti verificatisi all’interno dello stabile.
Appena giunti sul posto hanno ricevuto la segnalazione di un uomo che minacciava ripetutamente i sanitari della Clinica Santa Rita per costringerli a ricoverarlo senza che i sanitari lo ritenessero opportuno.
La pattuglia dei carabinieri, quindi, si recava presso la struttura sanitaria di via Appia per verificare l’accaduto: immediatamente intuivano che l’uomo che stava minacciando i medici ero lo stesso che aveva provocato poco prima i danneggiamenti all’interno del proprio condominio.
L’uomo 40enne, pregiudicato, con problemi di alcool e droga, veniva bloccato per l’identificazione ma, nel tentativo di darsi alla fuga, aggrediva la pattuglia dei carabinieri, sferrando ripetuti calci e pugni.
Prontamente i militari lo immobilizzavano e con l’ausilio dei sanitari veniva sedato e tratto in arresto per violenza privata e resistenza a pubblico ufficiale.
I.G., le iniziali dell’arrestato che solo una quindicina di giorni fa era stato protagonista di una condotta analoga a seguito della quale era stato arrestato e condannato dal Tribunale di Avellino ad un anno ed otto mesi.
L’uomo, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato trattenuto nelle camere di sicurezza del Comando Provinciale di Avellino e questa mattina verrà giudicato con rito direttissimo dal Tribunale di Avellino.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Per garanzia esibisce in un’agenzia di viaggi falso distintivo dell’arma, due persone denunciate in città

I Carabinieri della Stazione di Atripalda hanno denunciato due persone, un uomo e una donna del Mandamento baianese, poiché ritenute Read more

Paura e giallo in piazza Umberto: fiamme in un bar chiuso da mesi. FOTO

Hanno forzato e poi sfondato la vetrata d’ingresso di un bar lanciando del liquido infiammabile all’interno e appiccando il fuoco. Read more

Aveva minacciato di diffondere su Internet i video dell’incontro amoroso se l’amante non avesse pagato: pesanti le accuse per il 39enne atripaldese

Aveva minacciato di diffondere su Internet i video dell’incontro amoroso se l’amante non avesse pagato. Un tentativo di estorsione che Read more

Sorpreso con attrezzi atti allo scasso di auto in un parcheggio di un supermercato, 39enne di Castelvetere denunciato dai Carabinieri di Atripalda

I Carabinieri della Stazione di Atripalda hanno denunciato alla competente Autorità Giudiziaria un uomo ritenuto responsabile del reato di possesso Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *