alpadesa
  
Flash news:   Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto Pena ridotta in Appello per l’ex assessore comunale Scuole cittadine a rischio, dopo gli avvisi di garanzia non chiuderanno l’”Adamo” e la “Masi”. Il sindaco oggi relaziona al Consiglio d’Istituto straordinario: «Assolutamente nessun rischio chiusura, non c’è elemento nuovo che possa portare a qualcosa di diverso» Al via la stesura del libro sulla XI Edizione del “Torneo Calcistico Stracittadino” del 2011 Scandone sconfitta nel derby casalingo con la Virtus Salerno. Foto Mister Eziolino Capuano si presenta: «Sogno la Serie B con i lupi» Incidente lungo l’Ofantina, auto sbanda e si ribalta Scuola a rischio, nota del sindaco e del delegato ai lavori pubblici: «La doverosa iniziativa della Procura non ci sorprende né ci preoccupa ma stimolo sull’impegno intrapreso»

Il sogno dell’A2 per l’Euroform Atripalda s’interrompe a Cantù

Pubblicato in data: 20/5/2010 alle ore:00:41 • Categoria: Sport, PallavoloStampa Articolo

squadraL’Euroform Atripalda chiude con una sconfitta gara due. Partita mai in discussione. Termina un campionato che ha regalato ugualmente grandissime soddisfazioni. Il cammino verso la serie A2 di Atripalda s’interrompe a Cantù (Co). Gara due degli spareggi play off è anche l’ultima della stagione. Sconfitta 3-0 (25-20/25-17/25-21) l’Euroform cede il passo in semifinale ai brianzoli. Nel doppio confronto la formazione canturina è apparsa più in forma e meglio attrezzata meritando sul campo il passaggio del turno.
La delusione in casa Euroform dura poco, il tempo di metabolizzare l’esito della trasferta lombarda. L’avvio di primo set sembra annunciare una gara combattuta, è illusorio il primo parziale di 4-8 poi, come tre giorni prima, Cantù prende in mano le redini del gioco e non bastano le battute di Draghici a tenere accese le speranze biancoblu. 
Al punto del ko finale la mente di giocatori, staff tecnico e dirigenti riavvolge il film dell’anno agonistico fino alla scorsa estate. Agli albori dell’avventura il pensiero unico era la salvezza, le sfide da vincere quelle di reperire in fretta un impianto di gioco, conservare un florido vivaio, allestire un gruppo capace di gettare le basi su cui poggi. Aggiungi un appuntamento per oggiare il peso del campionato italiano di terza serie. Gli obiettivi stagionali sono stati centrati in pieno.
Le energie spese per raggiungere il secondo posto (19 vittorie, 7 sconfitte e soli sei punti di distacco dalla capolista) hanno oggettivamente esaurito tutte le riserve d’energie fisiche e mentali della squadra nei play off.
Ai suoi ragazzi la dirigenza rivolge un grosso plauso per aver profuso sempre il massimo impegno consentendo all’intera provincia di accarezzare un sogno.
Anche in brianza sempre al fianco della squadra il presidente Franco Capaldo che a fine gara – dopo il tributo d’applausi ricevuto dai cinquecento spettatori del Pala Parini – ha dichiarato: «Per noi è stato un successo comunque. Era impensabile arrivare sino a questo punto e giocarci i play off. Crediamo di aver portato a casa qualcosa di buono per i nostri tifosi e la nostra terra. Gli sforzi ed i sacrifici compiuti sono stati ampiamente ripagati, uno stimolo questo a fare sempre meglio, specie dopo un risultato inaspettato per tutti. Non abbiamo il tempo di riposarci, da domaniAggiungi un nuovo appuntamento per domani ci rimetteremo al lavoro guardando al futuro».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *