alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, si avvicina il contagio zero in Campania: uno solo il positivo oggi. In irpinia nessun contagio Coronavirus, oggi finisce il lockdown in Italia: 71 le vittime registrate nelle ultime 24 ore Parte lo screening epidemiologico per titolari e dipendenti delle attività commerciali di Atripalda, il sindaco: “il costo del primo test per ogni negozio è a carico del Comune, per gli altri prezzi agevolati” Coronavirus, su 198 tamponi nessun caso positivo in Irpinia oggi Coronavirus, 399 i guariti in Irpinia e 49 i comuni Covid Free Coronavirus, raddoppiano i casi di contagio (+318) ma scendono i decessi a 55 Festa della Repubblica, lettera di Idea Atripalda al Presidente Mattarella Il Comune di Atripalda torna a soccombere dinanzi al Giudice di Pace di Avellino, l’avvocato Aquino: «L’autovelox va posto in lockdown» Coronavirus, un nuovo caso in Irpinia: è di Casalbore Coronavirus, meno di 200 nuovi contagi e altre 60 vittime in un giorno

Sede Arpac di via Tiratore invasa dai topi, la denuncia dei sindacati

Pubblicato in data: 20/5/2010 alle ore:14:20 • Categoria: Cronaca

asl-av2-via-tiratore-3Lo stabile in contrada Tiratore (foto) versa in condizioni igienico-sanitarie assolutamente carenti.
E’ questa la denuncia sollevata da dipendenti e sindacati. La sede dell’Arpac infatti sarebbe invasa dai ratti.
E’ questo l’allarme lanciato dai 40 dipendenti che occupano lo stabile che, un tempo, accoglieva l’Asl Av2.
Notizia ironica nella sua tragicità visto e considerato che l’Arpac ha come scopo principe quello di garantire la tutela dell’ambiente da ogni forma di inquinamento e prevenire eventuali minacce alla salute pubblica.
L’edificio, occupato solo al secondo piano dagli uffici dell’agenzia, risulta essere infatti in uno stato di completo abbandono e il fatto che i restanti piani siano inutilizzati da tempo ha favorito la proliferazione di topi che hanno resistito ad alcune derattizzazioni attuate di recente.
Il timore è che l’arrivo della stagione più calda dell’anno possa favorire un aumento smisurato dei roditori con i quali i dipendenti devono fare giornaliermente i conti. Grande è il rammarico del rappresentante sindacale Concetto Leo: «Oltre un anno fa ci fu assicurato lo il trasferimento dell’Arpac in uno stabile più adeguato e soprattutto più pulito. Fino ad oggi non abbiamo ricevuto alcuna comunicazione. E’ davvero indegno lavorare in queste condizioni, a contatto con ratti e carcasse di topi. Spero davvero – ha concluso Leo – che qualcuno si faccia carico del problema e ci trovi una soluzione adeguata alle nostre esigenze».
A questo si aggiunge anche la mancanza del pagamento dello stipendio da mesi ai 30 lavoratori interinali dell’Apac.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Uno studio di fattibilità per recuperare la struttura Inail di via Tiratore

Uno studio di fattibilità per riutilizzare la struttura dell'Inail di via Tiratore ad Atripalda: è stato presentato dall'Asl di Avellino Read more

Direzione Regionale Inail, ok alla locazione dell’ex sede Asl di via Tiratore

«Ho appreso con molta soddisfazione la decisione della Direzione Regionale Inail per la Campania di rendere nota pubblicamente la sua Read more

“Atripalda, cinema sotto le stelle” in Piazzetta degli Artisti da giovedì sera

L’organizzazione della rassegna  cinematografica farà da sfondo e da intrattenimento all’estate atripaldese, da luglio ad agosto. In particolare il Comune Read more

Dalla libertà vigilata alla casa lavoro: due anni al trentenne autore di centinaia di truffe online

I Carabinieri della Stazione di Atripalda hanno dato esecuzione ad un provvedimento emesso dal Tribunale di Avellino nei confronti di Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *