alpadesa
  
domenica 17 febbraio 2019
Flash news:   Atto vandalico alla targa del Gruppo Scout Agesci Atripalda 1: ricoperta da scritte offensive Lutto Picone, addio al papà del vice comandante dei vigili Sabino Cinema Ideal, sul futuro restano le distanze tra eredi e Comune. Il sindaco: «proviamo insieme se c’è la volontà di collaborazione a dar vita ad un polo culturale. Io non accantonerei la legge Franceschini» Brutto incidente sulla Variante: centauro in gravi condizioni Vucinic: “amareggiati e dispiaciuti ma fare tesoro degli aspetti positivi” Final Eight: la Sidigas Scandone si ferma ai quarti Tre anni senza mister Alberto Matarazzo, il ricordo della Green Volley Atripalda Cinema Ideal, sul futuro dibattito pubblico questo pomeriggio. Ettore Troncone: «Bisogna trovare un accordo sul vincolo di destinazione d’uso. Sono saltati i finanziamenti, così non si può più andare avanti» Sbanda con l’auto e finisce contro una saracinesca lungo via Fiume Evade dai domiciliari: 35enne denunciata dai Carabinieri di Atripalda

Ritrovato il neonato rapito a Nocera. La madre: “Andrò a San Gerardo”

Pubblicato in data: 8/6/2010 alle ore:12:45 • Categoria: CronacaStampa Articolo

luca-cioffi“Voglio ringraziare davvero tutti. Ieri mio figlio è nato per la seconda volta. Quando uscirò dall’ospedale andrò al santuario di San Gerardo”, risponde così piangendo Annalisa Fortunato, la mamma del piccolo Luca Cioffi (foto), rapito a poche ore dalla nascita in ospedale a Nocera Inferiore, e ritrovato nel corso della notte.
“A rapirlo è stata un’infermiera, aveva il camice. Aveva gli occhiali e uno spillone nei capelli – ha raccontato la donna -. Aveva un comportamento normale. Ha parlato normalmente. Era un’infermiera dolcissima”.
Quella donna, che Annalisa ha dichiarato di non conoscere, si é presa cura di lei: “Mi ha aggiustato il catetere, mi ha aggiustato la flebo. Mi ha detto anche che è un peccato che certe donne abbandonino i bambini”.
Annalisa è disposta a perdonare chi le ha portato via suo figlio: “Non gli ha fatto del male – ha continuato – l’ha fatto pure mangiare. Ieri quando è arrivato qui Luca dormiva”.
“Mi dispiace per questa persona – ha concluso – molto probabilmente non sta bene. La perdono, sì”.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *