alpadesa
  
Flash news:   Incendio a Pianodardine, Sinistra Italiana Atripalda: “altra ferita per il nostro ambiente” Avellino ko in casa col Bisceglie Amarezza di Gioso Tirone alla presentazione del libro sul decennale del “Torneo Calcistico Stracittadino di Atripalda”. Foto Us Avellino, formalizzato l’accordo con Evangelista Amministrazione sotto attacco, il sindaco replica duramente: «L’ex assessore Landi non sa di cosa parla ma è arrivato il momento di replicare a queste continue provocazioni. Noi la giunta della concretezza. Parla di mancato incoraggiamento al libero pensiero ma poi querela le testate locali» Festeggiamenti San Sabino: stasera PFM in concerto in piazza Umberto, domani processione del Patrono Rogo all’Ics di Pianodardine, l’Arpac: “livelli di diossina sotto la soglia di pericolo già sabato” L’ex assessore Mimmo Landi all’attacco: “solo autocelebrazioni dall’Amministrazione mentre il fallimento è sotto gli occhi di tutti” Idea Atripalda chiede al Comune di aderire a WiFi4EU per promuove il libero accesso alla connettività Wi-Fi Avellino calcio, info biglietti per le prossime gare dei lupi

Prorogati al 31 dicembre i termini di regolarizzazione catastale ICI

Pubblicato in data: 12/6/2010 alle ore:16:55 • Categoria: Attualità, ComuneStampa Articolo

piazza-umberto-iL’Amministrazione comunale di Atripalda ha deciso di prorogare i termini entro cui i cittadini possono regolarizzare le loro posizioni catastali non corrette. «La nostra Amministrazione, con l’approvazione del Regolamento per la disciplina della definizione agevolata dell’I.C.I., ha avviato un’operazione di verifica della correttezza di numerose posizioni tributarie, nell’ottica dell’affermazione dell’equità fiscale. Siamo solo all’inizio ma si è ha già avuta una buona risposta da parte dei contribuenti interessati che già in buon numero hanno dimostrato sensibilità nel riconoscere le proprie mancanze, peraltro spesso commesse in buona fede. Per questo motivo si è deciso di differire i termini entro cui consentire la regolarizzazione di posizioni catastali non corrette, fino al 31/12/2010», spiega l’assessore delegato Luigi Adamo. Il provvedimento è stato fortemente voluto anche dal sindaco Aldo Laurenzano e dalla stessa Giunta, allo scopo di raggiungere un’equità fiscale e sociale. «Ad operazione avviata, nel frattempo, il Governo è intervenuto con la manovra economica sulla stessa materia per porre rimedio alla piaga della evasione fiscale. Ciò dimostra l’inevitabilità di un’ operazione di chiarezza sulla fiscalità degli immobili cui neanche un governo di centro destra, normalmente allergico alla lotta all’evasione fiscale, ha potuto sottrarsi e che l’Amministrazione di Atripalda ha invece messo in campo con assoluto tempismo. Ribadiamo pertanto l’invito a tutti i contribuenti a verificare la correttezza dei classamenti catastali dei propri immobili rispetto alla reale destinazione d’uso e – continua l’assessore Adamo – nel caso di differenze riscontrate, di cogliere l’occasione del regolamento approvato dall’Amministrazione , per regolarizzare la propria posizione evitando sanzioni ed interessi sul pregresso. Al contrario, chi pensa di ignorare il problema, deve sapere che il livello di attenzione sulla materia è talmente alto che, prima o poi, le posizioni non corrette verranno inevitabilmente fuori e difficilmente potranno usufruire di sconti. In un periodo di crisi finanziaria globale, non si può più consentire che solo una parte dei cittadini dichiari e paghi correttamente. E questo non solo per aumentare le entrate, ma perché è immorale che queste siano garantite solo da chi, onestamente, compie puntualmente il proprio dovere».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *