alpadesa
  
Flash news:   Seconda edizione estiva del “Cinema in Piazzetta” Nancy Palladino eletta presidente del Consorzio dei Servizi Sociali A5: «coronamento di un impegno nelle politiche sociali che dura da venticinque anni» Sidigas, il Gip sequestra solo 8 milioni di euro Prima buca le ruote e poi deruba automobilisti anche in città, arrestato dai Carabinieri 30enne napoletano “1992-Le loro idee sono ancora vive”, venerdì convegno organizzato da Idea Atripalda Giardini di Palazzo Caracciolo, venerdì sera visita guidata della Pro Loco di Atripalda Istituto comprensivo “De Amicis-Masi”, il nuovo dirigente scolastico è Amalia Carbone Festa in onore di Maria SS.ma del Carmelo: processione, fuochi pirotecnici e notte bianca con artisti di strada “16 luglio 1969 – 16 luglio 2019”: dalla Terra alla Luna, sotto il cielo di Atripalda. Culla Marallo-Pacia, auguri alla famiglia

Abusava dell’allieva 15enne, in manette artigiano irpino

Pubblicato in data: 16/6/2010 alle ore:09:06 • Categoria: CronacaStampa Articolo

pedofiliaHa abusato della ragazzina di 15 anni che stava facendo pratica nella sua bottega. E’ finito così in manette un artigiano irpino di 57 anni. L’episodio si è verificato in uno dei comuni dell’hinterland atripaldese dove vive l’uomo e la ragazza 15enne.
Ad arrestarlo i carabinieri della stazione di Atripalda, guidati dal comandante Costantino Cucciniello, e della Sezione di Polizia Giudiziaria presso la Procura della Repubblica di Avellino in esecuzione ad un ordine di custodia cautelare in carcere per il reato, continuato ed aggravato, di atti sessuali con minori, emesso dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Avellino, Natalia Ceccarelli, su richiesta del pubblico ministero Aquilina Picciocchi, che ha coordinato per oltre 6 mesi le indagini condotte dai carabinieri.
Le indagini erano state avviate lo scorso mese di dicembre 2009, quando i genitori di una studentessa 15enne si recarono proprio presso la Stazione dei Carabinieri di Atripalda per denunciare di aver scoperto gli abusi sessuali che la figlia aveva subito da un loro vicino di casa, al quale – in virtù di un rapporto fiduciario e di vicinato – affidavano regolarmente la ragazza per motivi d’istruzione ed educazione, essendo un artigiano e avendo la figlia dimostrato una propensione per le arti. Gli accertamenti hanno permesso di accertare gli abusi che da tempo la ragazza subiva.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *