alpadesa
  
domenica 17 febbraio 2019
Flash news:   Atto vandalico alla targa del Gruppo Scout Agesci Atripalda 1: ricoperta da scritte offensive Lutto Picone, addio al papà del vice comandante dei vigili Sabino Cinema Ideal, sul futuro restano le distanze tra eredi e Comune. Il sindaco: «proviamo insieme se c’è la volontà di collaborazione a dar vita ad un polo culturale. Io non accantonerei la legge Franceschini» Brutto incidente sulla Variante: centauro in gravi condizioni Vucinic: “amareggiati e dispiaciuti ma fare tesoro degli aspetti positivi” Final Eight: la Sidigas Scandone si ferma ai quarti Tre anni senza mister Alberto Matarazzo, il ricordo della Green Volley Atripalda Cinema Ideal, sul futuro dibattito pubblico questo pomeriggio. Ettore Troncone: «Bisogna trovare un accordo sul vincolo di destinazione d’uso. Sono saltati i finanziamenti, così non si può più andare avanti» Sbanda con l’auto e finisce contro una saracinesca lungo via Fiume Evade dai domiciliari: 35enne denunciata dai Carabinieri di Atripalda

Esami di maturità 2010, è il giorno del “quizzone”

Pubblicato in data: 25/6/2010 alle ore:11:31 • Categoria: Attualità, CulturaStampa Articolo

esame-di-statoTornano oggi sui banchi per la terza prova scritta i 500mila studenti impegnati negli esami di maturità.
Dopo il tema, la seconda prova specifica dell’istituto scolastico e il giorno di pausa per riprendersi dalle prime fatiche, questa mattina tocca alla prova, per alcuni, più temibile: il “quizzone” o terza prova. Si tratta di quesiti preparati, quest’anno per l’ultima volta, direttamente dalle commissioni su cinque delle discipline affrontate durante il quinto anno ma non trattate durante i primi due scritti. Il criterio di stesura delle domande si basa sul “Documento di classe” realizzato dai professori del quinto anno. La terza prova, adottata ormai da undici anni consecutivi, può contenere diverse tipologie di domande riguardanti un massimo di cinque materie. La tipologia può essere a risposta aperta o multipla.
Dal prossimo anno il Ministro all’Istruzione Maria Stella Gelmini ha annunciato di voler sostituire le prova predisposta da ciascuna commissione con una verifica standard nazionale preparata dall’Invalsi (Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione).

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *