alpadesa
  
Flash news:   Blitz al mercato del giovedì con sequestro di prodotti ittici e sanzioni ai commercianti Una delegazione atripaldese al raduno mondiale Scout negli Usa Beffa Navigator, la Regione Campania non firma la convenzione: i vincitori pronti ad intraprendere un’azione giudiziaria Il sindaco di Atripalda eletto nel consiglio del Distretto idrico Calore Irpino Addio a Flavio Puleo, anima in Curva Nord dei ”Biancoverdi Insuper…Abili” Ennesimo episodio di violenza in piazza Umberto, lite passionale tra due uomini in un negozio: arrivano cittadini e Carabinieri In migliaia per la Notte Bianca della Madonna del Carmelo. I commercianti: “puntiamo alla calendarizzazione per rivitalizzare il commercio cittadino”. FOTO Atripalda Volleyball, al centro c’è Emanuele Fastoso: “Sono determinato a fare bene. Qui sui può puntare a tornare ai vertici” Murata e bonificata l’ex scuola elementare di rampa San Pasquale dopo gli atti vandalici. FOTO Seconda edizione estiva del “Cinema in Piazzetta”

Esami di maturità 2010, è il giorno del “quizzone”

Pubblicato in data: 25/6/2010 alle ore:11:31 • Categoria: Attualità, CulturaStampa Articolo

esame-di-statoTornano oggi sui banchi per la terza prova scritta i 500mila studenti impegnati negli esami di maturità.
Dopo il tema, la seconda prova specifica dell’istituto scolastico e il giorno di pausa per riprendersi dalle prime fatiche, questa mattina tocca alla prova, per alcuni, più temibile: il “quizzone” o terza prova. Si tratta di quesiti preparati, quest’anno per l’ultima volta, direttamente dalle commissioni su cinque delle discipline affrontate durante il quinto anno ma non trattate durante i primi due scritti. Il criterio di stesura delle domande si basa sul “Documento di classe” realizzato dai professori del quinto anno. La terza prova, adottata ormai da undici anni consecutivi, può contenere diverse tipologie di domande riguardanti un massimo di cinque materie. La tipologia può essere a risposta aperta o multipla.
Dal prossimo anno il Ministro all’Istruzione Maria Stella Gelmini ha annunciato di voler sostituire le prova predisposta da ciascuna commissione con una verifica standard nazionale preparata dall’Invalsi (Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione).

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *