alpadesa
  
domenica 31 maggio 2020
Flash news:   Movida ad Avellino, “IDEA Atripalda“ contro il sindaco Gianluca Festa: “chieda scusa e si dimetta” «Atripalda la città dei Mercanti», presentato ieri in Comune il video pormozionale. Il sindaco: “ripartiamo uniti accogliendo le persone che vengono da fuori in tutta sicurezza”. FOTO “Oggi è il tuo nome, auguri Antonello” dallo zio Gabriele De Masi Coronavirus, su 190 tamponi effettuati in Irpinia un solo caso positivo: è di Prata P.U. Coronavirus, calano i contagi (+416) ma i morti salgono a 111 «Atripalda riparte, riparti da Atripalda»: questa mattina al Comune conferenza stampa per rilanciare il Commercio in città. VIDEO Coronavirus, due i positivi di oggi in Irpinia: Avellino e Gesualdo Coronavirus, in Campania niente alcolici da asporto dopo le 22: bar chiusi all’una Coronavirus, sono 87 le vittime registrate nelle ultime 24 ore: Lombardia maglia nera per i contagi Il Covid Hospital del “Moscati” si svuota: resta solo un paziente positivo ricoverato in Malattie Infettive

Monumento ai Caduti, il sindaco Laurenzano:«Restaurato e recintato tornerà all’antico splendore»

Pubblicato in data: 30/6/2010 alle ore:14:21 • Categoria: Attualità, Comune

monumento-ai-caduti«Oltre al restauro del Monumento ai Caduti in piazza Umberto I, il nostro Ufficio tecnico comunale ha elaborato anche un progetto per il ripristino della recinzione della statua, uno dei nostri simboli principali», così il sindaco di Atripalda, Aldo Laurenzano. «La Sidigas ha risposto al bando comunale di sponsorizzazione per il restauro del monumento, un progetto curato dalla Soprintendenza ai beni archeologici di Avellino – spiega il sindaco – un intervento assolutamente necessario per rimuovere i graffiti e le erbacce che ne deturpano i quattro lati. Si tratta di un lavoro molto importante e delicato che sarà curato direttamente dalla Soprintendenza che ha mezzi specifici e professionalità adatte per questo tipo di intervento. Parallelamente, potremmo realizzare anche l’intervento per il ripristino della recinzione del monumento che sarà effettuata grazie alla filantropia di un nostro concittadino, Lino Rullo, emigrato a Boston molti anni fa. Il suo intento è quello di lasciare un segno concreto alla cittadina del Sabato, in segno di gratitudine e affetto. Grazie a questi due interventi riporteremo alla luce e salvaguarderemo un pezzo importante della nostra storia che potremmo consegnare integro e rinnovato alle generazioni future». Intanto, il primo cittadino vorrebbe illustrare l’intervento alla cittadinanza in un incontro pubblico: «Mi piacerebbe condividere i due progetti con tutti gli atripaldesi: il monumento è patrimonio di tutti e mi sembra assolutamente giusto che tutti partecipino alle fasi della sua rinascita», conclude Laurenzano.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Piazza Umberto, piazza Garibaldi, piazzetta degli Artisti e piazzetta Padre Pio finiscono al centro della discussione cittadina. FOTO

Piazza Umberto, piazza Garibaldi, piazzetta degli Artisti e piazzetta Padre Pio finiscono al centro della discussione cittadina e dei commenti Read more

Così con va – Ratto morto in piazza Umberto: la segnalazione di un cittadino

Gentile Direttore ti segnalo la presenza di un ratto morto in pieno centro a pochi metri dalla filiale del Banco Read more

Natale ad Atripalda, cambio di programma: domani sera concerto degli Anima Nova in piazza Umberto

Natale ad Atripalda, concerto domani sera degli Anima Nova in piazza Umberto I. Variazione per il cartellone natalizio dell'Amministrazione cittadina, Read more

Il Monumento ai Caduti di piazza Umberto I restituito alla città. Guarda il Video

Il Monumento ai Caduti di piazza Umberto I restituito alla città. Con una cerimonia ufficiale lo storico monumento atripaldese, realizzato Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *