alpadesa
  
Flash news:   Il Comune di Atripalda si affida ad una società esterna per il trattamento e la protezione dei dati personali Maltempo, paura a via Pianodardine: straripa il Fenestrelle e invade il ponte delle Filande Polemiche avvio anno scolastico, l’opposizione “Noi Atripalda” porta in Consiglio comunale la questione Stop ai disservizi, riapre di pomeriggio il cimitero di Atripalda Riapertura delle scuole in tempo di Covid, il messaggio del vescovo Aiello: “ la paura non può ritardare il desiderato primo campanello” Il viaggio in Irpinia dell’associazione atripaldese “ACIPeA” Aliquote Imu e Tari, mercoledì torna in seduta straordinaria il Consiglio comunale di Atripalda Elezioni regionali, i ringraziamenti del vicesindaco Anna Nazzaro Giovane coppia con febbre e dolori attende da 12 giorni il tampone Da oggi obbligo di mascherina all’aperto in Campania tutto il giorno: ordinanza del presidente De Luca

Una comitiva svizzera in visita allo Specus Martyrum per celebrare la Festa Nazionale

Pubblicato in data: 15/7/2010 alle ore:09:36 • Categoria: Attualità

visita-guidataNuova visita tra i tesori dello Specus Martyrum della comitiva di origine svizzera che già nel 2009 restò affascinata dagli antichi reperti storici e artistici della cittadina del Sabato.
A fare gli onori di casa, sabato 10 luglio, come di consueto la Pro Loco di Atripalda. Dopo i saluti della vice presidente Sabina Nappa e l’introduzione dell’architetto Roberto Angiuoni, le volontarie del Servizio Civile hanno mostrato ai visitatori i resti archeologici dell’antica Civita di Abellinum, in un percorso all’insegna della riscoperta degli usi, delle abitudini e del folklore degli antichi romani e ancor prima della popolazione degli Hirpini, tribù di origine sannita che nel III secolo a. C. si stanziò nel territorio situato sulla riva sinistra del Sabato.
L’escursione ha coinvolto diverse famiglie di origine svizzera che da tempo abitano nella nostra nazione e che a circa un mese dalla festa nazionale svizzera, che ricorre il 1° agosto, usano riunirsi proprio ad Atripalda per incontrare il console svizzero in Italia coniugato con una signora di Candida.
E’ questo un modo per festeggiare, seppur in anticipo, una ricorrenza che equivale al nostro 25 aprile o al 4 luglio in America. L’istituzione della Festa Nazionale ha poco più di un secolo, ma celebra un evento che risale a 700 anni fa e il cuore dei festeggiamenti si basa su una tradizione millenaria. Fu scelto questo giorno perché proprio il 1° agosto 1291 tre dei cantoni alpini giurarono fedeltà alla Confederazione. I rappresentanti di Svitto, Untervaldo ed Uri, che formavano il nucleo dell’odierna Svizzera, nel 1291 si incontrarono sul prato del Grütli, sovrastante il Lago dei Quattro Cantoni, per sottoscrivere un patto di fratellanza in cui ci si impegnavano all’aiuto e al sostegno reciproci nel caso in cui la loro libertà fosse stata minacciata da aggressori esterni. L’alleanza nasceva soprattutto in rivolta contro gli Asburgo che all’epoca ambivano ad estendere la loro sfera di influenza fino ai territori alle porte del Gottardo.
L’incontro con il console è stato un modo per mantenere viva l’identità sociale comune e ricordare insieme un evento considerato come l’atto costitutivo della nazione Svizzera. In tale contesto la Pro Loco atripaldese è stata lieta di ospitare il gruppo di turisti per allargare oltre i propri confini la conoscenza del ricco patrimonio culturale atripaldese.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *