alpadesa
  
Flash news:   Caccia ai contribuenti morosi di Imu, Tari e altre tasse comunali ad Atripalda Manutenzione stradale e parcheggio via Gramsci, sbloccati i fondi dalla Giunta Spagnuolo Arriva la proroga ad Atripalda per la presentazione della domanda per l’accesso ai voucher alimentari Sorveglianza rafforzata: il prefetto Spena blinda Atripalda e Solofra dopo gli attentati intimidatori con le bombe carta Coronavirus, da lunedì 18 gennaio in presenza anche la terza classe della Primaria Attentato intimidatorio, pressing sul sindaco delle opposizioni. Landi: ”il tavolo in Prefettura doveva chiederlo lui” Bomba carta in città, Idea Atripalda: “cultura e comunicazione come antidoto alle violenze” Molestie al prete di Atripalda: condannati gli autori Nuovi parcometri ad Atripalda, l’opposizione “Noi Atripalda” boccia il bando: «un spreco per la città» Coronavirus, un nuovo contagio ad Atripalda

Bilancio, Laurenzano: «Vendere è la strada giusta»

Pubblicato in data: 28/7/2010 alle ore:14:30 • Categoria: Attualità, Comune

sindaco-laurenzano«E’ necessario proseguire l’attuazione del piano di alienazione e valorizzazione del patrimonio comunale, come strada maestra verso il risanamento dei conti dell’Ente», così il sindaco di Atripalda, Aldo Laurenzano. «L’approvazione del Bilancio consuntivo 2009 con un avanzo di competenza di oltre ottocentomila euro non è un traguardo, ma un punto di partenza per raggiungere l’obiettivo del risanamento che ci eravamo posti al momento del nostro insediamento – continua il sindaco che ha anche la delega al bilancio – fino a questo momento l’Amministrazione comunale, grazie al prezioso supporto degli uffici, ha svolto un lavoro egregio. Abbiamo venduto beni comunali che rappresentavano soltanto una voce di spesa, ricavando, in alcune occasioni, ben oltre la cifra stabilita dal bando pubblico. Un esempio è il box di piazza Umberto I, o ancora l’appartamento di via Belli che, per anni, hanno fruttato ben poco all’Amministrazione comunale. E’ chiaro che l’obiettivo principale resta la vendita del Centro Servizi Pmi di San Lorenzo, una struttura che, al momento, è inutilizzata e pesa sulle casse comunali per oltre ottantamila euro all’anno. Purtroppo, l’Ente non ha mai disposto, nel corso degli anni, delle risorse economiche e professionali per l’utilizzo di una struttura del genere e, in una situazione economica difficile, è nostro dovere percorrere tutte le strade disponibili per salvaguardare i cittadini e i creditori dell’Ente. Del resto, l’unica strada suggeritaci dal Governo centrale per raggiungere il risanamento è stata quella dell’alienazione del patrimonio comunale».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *