alpadesa
  
Flash news:   Elezioni Regionali della Campania: Alaia, Petracca, Petitto e Ciampi verso il Consiglio Avvio anno scolastico, doppi turni da giovedì alla Primaria dell’Istituto comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda Fiume Sabato, ripartono i lavori in centro ma restano le esalazioni maleodoranti dal corso d’acqua Elezioni regionali: i Popolari di De Mita primo partito ad Atripalda sfiorando i mille voti, secondo Davvero e solo terzo il Pd Election Day, ecco l’esito del voto ad Atripalda per il Referendum Election Day, seggi chiusi. Ad Atripalda ha votato il 65,16% per il Referendum e il 58,17% per il rinnovo del consiglio regionale della Campania Riapertura delle scuole ad Atripalda, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo attacca: «siamo nel caos» Election Day 2020: alle ore 12 ad Atripalda al voto il 12% degli aventi diritto Election day, urne aperte dalle 7: voto per referendum e regionali. Matita, gel e mascherine per tutti ai seggi Festeggiamenti San Sabino, il vescovo di Avellino Arturo Aiello nell’omelia si rivolge ai giovani «abbiate rispetto della vostra vita e di quella degli altri». Foto

Buio fitto sulla città, la nota di Antonio Prezioso (Pdl)

Pubblicato in data: 19/8/2010 alle ore:14:45 • Categoria: Attualità, Pdl, Politica

piazza-umbertoLo scorso 16 agosto, come da tradizione, è avvenuta la classica alzata del pannetto di San Sabino, in piazza Umberto I, alla presenza di autorità e cittadini, si è rinnovato il rito che preannuncia la festa del Santo Patrono di Atripalda. Purtroppo neanche San Sabino è riuscito nel “miracolo” di far funzionare le perennemente spente luci di piazza Umberto I: tenete presente i famosi lampioni ad ala di gabbiano? Quelli che conferiscono a quella che dovrebbe essere una pizza di un paese l’aspetto di un parcheggio? Ecco, per quasi tutta l’estate gli avveniristici lampioni, che sono costati agli atripaldesi circa 9.000 euro cadauno, hanno lasciato il “salotto buono” al buio. Neanche l’alzata del pannetto è stata risparmiata, tutto il rituale è avvenuto a “lume di candela”. Mi chiedo cosa succeda all’impianto elettrico della piazza, quali le ragioni di questo disservizio continuo: è possibile che in quello che una volta era il miglior paese della provincia di Avellino, oggi non si riesce a far funzionare dei lampioni? Forse si è rinunciato ad amministrare e guidare la città? Ci vuole qualche consulenza esterna per riparare o cambiare le lampadine ai lampioni? Sono letteralmente esterrefatto e mi vergogno di dover spiegare di continuo agli amici di Avellino e provincia cosa stia succedendo nella nostra cittadina. Del resto questa amministrazione non fa nulla per nascondere l’incapacità a gestire Atripalda. Oppure lasciare tutto avvolto nelle tenebre è la soluzione al problema? Bella trova, complimenti.

Antonio Prezioso
Consigliere comunale Atripalda

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *