alpadesa
  
Flash news:   Protesta delle famiglie contro i doppi turni all’Istituto comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda: ieri mattina una delegazione dal sindaco. Foto Estorsione continuata ai danni del titolare di un bar di Atripalda: avviso di garanzia e chiusura delle indagini per un ventottenne del luogo Elezioni Regionali, Maria Picariello referente di “Italia Viva Atripalda” ringrazia gli elettori: “per aver contribuito al grande risultato elettorale conseguito dal candidato Enzo Alaia” Elezioni Regionali della Campania: Alaia, Petracca, Petitto e Ciampi verso il Consiglio. Qui i dati dei più votati ad Atripalda Avvio anno scolastico, doppi turni da giovedì alla Primaria dell’Istituto comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda Fiume Sabato, ripartono i lavori in centro ma restano le esalazioni maleodoranti dal corso d’acqua Elezioni regionali: i Popolari di De Mita primo partito ad Atripalda sfiorando i mille voti, secondo Davvero e solo terzo il Pd Election Day, ecco l’esito del voto ad Atripalda per il Referendum Election Day, seggi chiusi. Ad Atripalda ha votato il 65,16% per il Referendum e il 58,17% per il rinnovo del consiglio regionale della Campania Riapertura delle scuole ad Atripalda, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo attacca: «siamo nel caos»

Le limitazioni della caccia in Campania, la nota di Giosuè Lombardi

Pubblicato in data: 31/8/2010 alle ore:14:50 • Categoria: Attualità

cacciaIl 1 settembre si ripete l’ennesima farsa della preapertura della caccia in Campania. Cinque le giornate indicate nel calendario venatorio: 1 – 5 – 8 – 12 e 15 settembre. Due le specie migratorie cacciabili: quaglia e tortora con un prelievo massimo di tre capi per giornata e non più di venti capi per l’intera stagione venatoria; ciliegina finale la caccia alla tortora è consentita fino alla ore 13,00 di ogni giornata di caccia. Mi è difficile immaginare quali il prossimo anno potranno essere le ulteriore limitazioni che solo in Italia e in particolare in Campania, ultimo feudo delle minoranze animaliste, porteranno i cacciatori ad appendere la doppietta al chiodo o a migrare, se le condizioni fisiche ed economiche lo consentiranno, in uno qualsiasi dei paesi comunitari che sicuramente hanno una diversa opinione della cittadino cacciatore – cartina di tornasole per valutare gli ecosistemi esistenti e primo difensore della fauna selvatica della quale ha sempre geneticamente ricevuto dai suoi antenati il semplice principio di prelevare solo gli interessi lasciando inalterato il capitale. In Campania, e forse in gran parte d’Italia, è giunto il tempo di dire basta alla caccia programmata da un effimero gruppo di animalisti. Basta a credere anche a quelli che in campagna elettorale scrivono nei loro programmi (leggasi PDL) che riformeranno la legge 157/92 e che invece mantengono al governo ministri per il turismo – vedi l’onorevole Brambilla – che si dichiara pubblicamente favorevole alla chiusura della caccia. Basta nascondere la nostra identità di cacciatori della quale dobbiamo essere fieri. Si signori siamo al capolinea; anche i più sfruttati “campesini” che l’arte cinematografica ci ha trasmesso buoni e laboriosi alla fine si riuniscono ed infliggono ai loro tiranni la giusta punizione.Il Coordinatore Provinciale CONF.A.V.I
Giosuè Lombardi

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *