alpadesa
  
Flash news:   Atripalda, scuole chiuse fino al 29 novembre: ecco l’ordinanza del sindaco Verifica e salvaguardia degli equilibri di Bilancio 2020.2022, lunedì 30 novembre torna il Consiglio comunale ad Atripalda Coronavirus, aggiornamento Asl: 148 i positivi in Irpinia, 5 a Atripalda Coronavirus: Atripalda piange la morte di Michele, volontario tra le macerie de L’Aquila 40° anniversario del terremoto, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “Profonda ferita, immensa la volontà e la forza per ripartire” Coronavirus, in Italia superati i 50mila decessi in nove mesi. In Campania 2.158 nuovi contagiati Coronavirus, il sindaco di Atripalda pronto a far slittare la riapertura di Infanzia e prima elementare al 30 novembre 40° anniversario del terremoto in Irpinia, il vescovo Aiello: “Alle 19:34 il suono delle campane delle chiese in memoria delle vittime” Coronavirus, in Campania da mercoledì 25 novembre si torna in classe per l’Infanzia e prime classi della Primaria 40° anniversario del terremoto in Irpinia: i Carabinieri commemorano le vittime del sisma e i caduti dell’Arma. VIDEO

Niente mercato questa mattina tra la rabbia di ambulanti ed utenti

Pubblicato in data: 2/9/2010 alle ore:09:02 • Categoria: Attualità

mercatoBancarelle off-limits questa mattina al mercato del giovedì: nessun ambulante ha infatti potuto allestire i propri banchetti a parco delle Acacie e via San Lorenzo.
A far rispettare l’ordinanza sindacale di sospensione ad horas della fiera settimanale gli agenti di polizia municipale ed i carabinieri della locale stazione.
Uno stop che amareggia non poco commercianti ed utenti. Una decisione che scontenta tutti, commercianti e clienti. La delusione ieri tra alcuni ambulanti era tanta. Molti di loro si dichiarano pronti a lasciare Atripalda per altri paesi. L’amarezza si legge forte sul volto degli operatori commerciali che occupavano le piazzole di parco delle Acacie e via San Lorenzo. A rischio una tradizione centenaria che ha reso Atripalda una delle fiere più importanti della regione, dopo quella di Nola.
«Siamo esterrefatti da questa decisione – commentano Peppino Innocente e Antonello Tarantino di Confcommercio -. Avevamo per tempo messo in guardia il Comune sui rischi derivanti dal trasferimento del mercato. Ora c’è in gioco il futuro e la storia di una delle tradizioni più antiche della regione. Auspichiamo che l’amministrazione comunale faccia le mosse giuste e addirittura abbia il coraggio di fare un passo indietro e rivedere le decisioni adottate».
E’ fissato per questo pomeriggio, alle ore 18.30, un incontro al Comune tra Amministrazione, associazioni di categoria e le rappresentanze dei commercianti senza posto fisso.
Anche l’opposizione consiliare attacca con Lello La Sala, chiedendo che si discuti della vicenda in consiglio comunale: «Il Comune di Atripalda, che con disinvolta leggerezza non si era costituito innanzi al Tar, aveva sperato nel ricorso romano. Che, a quanto pare, ha fatto invece cilecca. Si tratta ora di aspettare la decisione di merito il 23 settembre, mentre sul mercato, fino a quella data, si addensano nubi piuttosto minacciose e il futuro si fa ancora più incerto. Succede quando si amministra a come vene vene, insomma quando manca la lucidità e la ragionevolezza politica, quando si amministra… contro, assecondando mediocri ‘vendette’ e meschine gelosie, come denuncia da ultimo anche l’assessore De Vinco. Dopo l’infruttuosa gita romana al Consiglio di Stato, non ritiene il sindaco utile, opportuno e necessario un confronto in Consiglio Comunale ad Atripalda?».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *