alpadesa
  
Flash news:   Costituito l’ufficio di progettazione per l’intervento di sistemazione idraulica e idrogeologica del Vallone Testa ad Atripalda: 980mila euro a disposizione Coronavirus, in Irpinia secondo giorno consecutivo a contagio zero. I tamponi effettuati sono stati 298 Us Avellino, completato il passaggio delle quote Coronavirus, risalgono i contagi (+584) e le vittime (+117) in un giorno “Rossi-Doria, il riformatore che amava l’Irpinia”, il ricordo di Luigi Caputo del grande meridionalista Ciclismo, l’A.S.Civitas presenta il veterano Michele Venezia Lavori alla Biblioteca comunale e contrada Fellitto, si ampliano i cantieri ad Atripalda. Foto Coronavirus, nessun caso in Irpinia su 299 tamponi effettuati Coronavirus, quasi raddoppiati i guariti e le vittime in un giorno sono solo 78 Così non va – una fioriera cementata e vuota al posto di un paletto dissuasore in via Appia. Foto

Caos mercato, presidio degli ambulanti domani a parco Acacie nel giorno del Santo Patrono

Pubblicato in data: 15/9/2010 alle ore:13:30 • Categoria: Attualità

sciopero-ambulanti11Presidio degli ambulanti domani mattina a Parco delle Acacie nel giorno del Santo Patrono di Atripalda.
Gli operatori commerciali della fiera settimanale si dichiarano pronti alla mobilitazione pur di salvare il mercato.
A parco delle Acacie e via San Lorenzo da due settimane non si svolge il mercato proprio a seguito della sospensione del Tar di Salerno ed il rischio che salti fino a fine mese è forte. I 240 ambulanti non hanno alcuna intenzione di attendere il prossimo 23 settembre, giorno in cui in camera di consiglio il Tar dovrà pronunciarsi nel merito della vicenda.
In queste settimane di sospensione a pagarne le spese sono stati soprattutto gli ambulanti tra la crescente delusione degli acquirenti.
Nel presidio di domani mattina con le organizzazioni sindacali, organizzato nel giorno del festeggiamenti in onore di San Sabino Martire, gli ambulanti decideranno il dà farsi. Non si esclude la possibilità di una grande mobilitazione di piazza per sensibilizzare sia l’opinione pubblica che la stessa giunta Laurenzano. I 120 venditori di via San Lorenzo hanno incassato la solidarietà degli ambulanti di parco delle Acacie: tutti uniti hanno incrociato le braccia e deciso di dar vita ad uno sciopero ad oltranza che proseguirà, assicurano, fino a quando non sarà individuata dall’Amministrazione comunale un’area idonea dove possano operare tutti i 240 operatori commerciali. «Faccio un appello alla gente – afferma Peppino Innocente di Confcommercioa far sentire la propria voce. Vogliamo capire se questa nostra lotta per un bene comune è sentita o meno dalla città».

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Caos mercato, l’irruzione degli ambulanti nella sala consiliare e l’incontro di una delegazione con il sindaco Laurenzano. Guarda il Fotoservizio 2

Atto di forza da parte dei commercianti del mercato del giovedì. Questa mattina, dopo aver lasciato i propri camion parcheggiati Read more

Caos mercato, gli ambulanti assediano per protesta il Comune. Momenti di tensione stamattina. Guarda il Fotoservizio 1

Momenti di tensione questa mattina al Comune di Atripalda per l'assedio dei commercianti ambulanti. Ha rischiato di trasformarsi in dramma Read more

Caos mercato, “Prosidea” rinuncia alla discussione al Tar di Salerno fissata per domani. Tutto si gioca al Consiglio di Stato

Nessuna discussione domani mattina dinanzi al Tar di Salerno sulla querelle mercato.  L'avvocato Marenghi, difensore delle aziende "Prosidea Spa" e "Alto Read more

Caos mercato, domani nuovo sciopero degli ambulanti

Caos mercato, nuovo presidio degli ambulanti domani mattina nel giorno in cui doveva esserci il pronunciamento nel merito del Tar Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *