marted� 16 luglio 2024
Flash news:   Madonna del Carmelo, niente festa civile quest’anno ad Atripalda Sospiro di sollievo ad Atripalda: Roberto ritrovato a Napoli Sabato presentazione del nuovo libro di Andrea Perciato Sabato 27 luglio allo stadio Partenio–Lombardi secondo Memorial “Sandro Criscitiello” Dolore ad Atripalda per la scomparsa dell’ex consigliere Emilio Moschella: lunedì i funerali Due 30enni atripaldesi accusati di resistenza a pubblico ufficiale in concorso: uno evita il processo  e l’altro viene condannato a 9 mesi di reclusione Maratona dles Dolomite, la prima volta del team Eco Evolution Bike Dal 12 luglio scatta il ritiro nel comune di San Gregorio Magno Comune di Avellino, il discorso d’insediamento del sindaco Laura Nargi: “Sarò al fianco di tutti” 49enne residente ad Atripalda rinviato a giudizio per maltrattamenti nei confronti della moglie e della figlia minore

Addio a Nicola Elia, opinionista e grande tifoso biancoverde

Pubblicato in data: 30/1/2011 alle ore:20:11 • Categoria: Avellino Calcio

nicola-elia1Se n’è andato stamattina, stroncato appena cinquattottenne, Nicola Elia (nella foto durante una trasmissione di Contatto Sport su Prima Tivvù). Tenne accesa una luce, nel container salumeria, emporio, tutto… trasferendo a contrada Alvanite il piccolo alimentari gestito con la mamma Edda a piazza Garibaldi e spazzato via dal terremoto. Una diaspora necessaria, ma senza grosse illusioni e che anzi -da subito- fece misurare la distanza del quartiere dalla vita cittadina (troppo lontano, troppo isolato, troppo buio…), una constatazione che già ne lasciava presagire il degrado. Se ne parlava nei pomeriggi d’estate, o nelle sere d’inverno, quando Nicola raccontava aneddoti e storie (ma spiccava su tutte la sua amicizia fraterna con Franco Malvano, compagno di naja e di avventure). Tifoso, forse perfino ultras, insomma un vero e proprio ‘lupo irpino’, a veva seguito l’Avellino nella sua ascesa in serie A (e poi anche nel lento inesorabile declino) e familiarizzato con calciatori e dirigenti.
Nicola tenne duro finché poté, nel container di Alvanite, ma ad un certo punto fu costretto a firmare la resa.
Poi ci fu la lunga e felice parentesi della televisione: mise a frutto la sua passione e la sua parola fluida e sferzante per farsi apprezzato (e contestato) commentatore sportivo, anzi calcistico. A me, che poco o niente capivo di calcio (ma che lo avevo seguito con curiosità in qualche trasferta: ne ricordo una sfortunatissima a Bari, finita -mi pare- con un risultato tennistico e parecchi contusi) sembrava documentato, rigoroso, migliore di tanti altri, anche se assai spesso doveva tuonare con il suo vocione per farsi sentire.
Finì anche questa esperienza e Nicola non fu più lo stesso, per quanto si sforzasse di apparire quello di sempre. E allora sentì tutto il peso di una salute che si faceva sempre più fragile e furono Gerardo Piscopo, medico ed amico, Vittorio, Artenio e pochi altri a doverlo incoraggiare e sostenere.
Nicola ha rappresentato una parte della autentica storia ‘popolare’ della nostra Città. Lo ricordo con commosso affetto.

Raffaele La Sala

consigliere comunale

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *