alpadesa
  
domenica 09 agosto 2020
Flash news:   Coronavirus, contagiato ad Atripalda anche un parente della signora rumena Nuovo caso di Coronavirus ad Atripalda, il sindaco: “la donna straniera sottoposta ad isolamento” Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda: in isolamento persona rientrata dall’estero Sicurezza urbana ad Atripalda, i consiglieri del gruppo “Noi Atripalda” scrivono al prefetto Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi) “Cinema al Parco”, mercoledì al via la terza edizione estiva a Parco delle Acacie Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno Piazza Umberto I, gruppo di bambini aggrediti: 12enne finisce in ospedale Al via la XXVIII edizione del Festival “I Luoghi della Musica”: stasera si parte dal Chiostro di S. Maria della Purità di Atripalda La Misericordia di Atripalda si aggiudica la gestione dell’edificio comunale dell’ex Volto Santo. Il presidente Aquino: “momento di crescita e di svolta per noi”

La bisnipote Anita, nota di Lello La Sala (MèL)

Pubblicato in data: 4/2/2011 alle ore:10:00 • Categoria: Merito è Libertà, Politica

garibaldi_anitaDel bisnonno Giuseppe, l’eroe dei due mondi, la bisnipote Anita (primogenita di Ezio, ultimo figlio di Ricciotti Garibaldi) conserva come prezioso cimelio la sciabola e la tabacchiera (insomma, immagino, vizi e virtù). Un singolarissimo sfiato di trombetta del sempre più basculante addetto staff (che non ha rinnovato la tessera del piddì e teme -giustamente- qualche conseguenza ed intanto è costretto… alle ferie) ne annuncia la visita in un fitto programma con annessa….topografia di guerra.
Dal quale programma, integrato telefonicamente con una intitolazione stradale ad Alfonso Dinacci alle 15 di sabato e poi tutti al Municipio per il grammelot di Aldùk, si apprendono gustosi dettagli. A partire dall’ubicazione della premiata Trattoria “Valleverde” che sarebbe a 300 metri dall’ hotel Civita (si serviranno degli stessi esperti di misurazioni….tariffarie immagino) e nientemeno che le cantine Mastroberardino sono di fronte (sic) al predetto hotel (dove invece è un plesso del circolo didattico) ed in ogni caso al più, per ovvie ragioni di ‘anzianità’ e di blasone, sarebbe vero il contrario. Ma tant’è…per ora è questa, e sia detto con tutto il dovuto rispetto per l’illustre ospite, la grande pensata del centocinquantenario, partorita -fino a prova contraria- dalle fervide menti di Aldùk e Cidèp e questa ci teniamo, mentre altre se ne annunciano a cura della pasionaria Nancy che promette addirittura un ‘cartellone’.
Alla incolpevole signora Anita, della quale non si può che apprezzare la battagliera energia di chi custodisce, financo nel nome, una straordinaria memoria familiare (ed una luminosa e controversa stagione storica) porgiamo anche noi il più cordiale benvenuto. E tuttavia mi sia consentito di ‘insistere’. Le celebrazioni per il 150° hanno un senso se,al di là delle parate e degli scoop di paese,ci aiutano a rileggere una storia (la nostra, quella italiana) con sobrietà e rigore. L’Unità d’Italia fu una ‘necessità’ ed un valore che nessun revisionismo, più o meno ‘popolare’, può mettere in discussione. Ma fu anche una straordinaria occasione mancata: non fu la prima e non è la sola. E la stessa azioni di Garibaldi e dei Garibaldini non si realizzò senza violenze e soprusi che sarebbe inutile negare. Tanto più che lo stesso Garibaldi finì travolto dalla ragion di Stato, umiliato nel dorato esilio di Caprera. Forse una delle pagine più belle e veritiere di quella storia la scrisse un altro Giuseppe, Tomasi di Lampedusa: la storia di ideali nobili e generosi sacrifici di sé, immiseriti spesso dalle logiche del trasformismo e dagli interesse delle diplomazie, in una cinica, per quanto necessaria, quotidianità.
Anche Atripalda può utilmente ricordare Garibaldi facendo memoria della sua antica Società Operaia e della intitolazione di una piazza (una delle più antiche della nostra Città) nel Consiglio Comunale del 26 settembre 1900, rinominando il largo della Dogana vecchia, abbattuta nel 1887, in memoria del “più illustre fattore” dell’Unità Italiana. E forse può persino ricollocare qualche tassello della storia risorgimentale attraverso il garibaldino Alfonso Dinacci (che non risulta nell’elenco ufficiale dei Mille) il cui profilo andrebbe adeguatamente definito, dopo la meritoria segnalazione di Sabino Tomasetti; la documentazione relativa al Plebiscito ed alle sue singolari modalità di votazione; o lo studio e la pubblicazione di inediti materiali d’archivio. Ma questo sarebbe un contributo serio e rigoroso ed una occasione di matura riflessione storiografica, altro che visite guidate, madonne pellegrine e saluti delle autorità. Senza offesa per Aldùk e Cidèp, sarebbe tutta un’altra storia.

Raffaele La Sala
consigliere comunale “Merito è Libertà”

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Visita Anita Garibaldi in città, la delegata alla Cultura Palladino: «Per noi un grande onore»

«Ospitare una personalità storica di grande spessore come Anita Garibaldi (foto) è per noi un grande onore», così il consigliere delegato Read more

Consiglio comunale sulla crisi, La Sala (MèL): “La ‘banda degli onesti’… “

Diciamo la verità... quel furbacchione di un Laurenzano ci ha provato... ma che in Consiglio proprio non si parlasse della Read more

Auguri Italia 150 anni, viva il tricolore

Auguri Italia 150 anni 1861-2011 - 150 anni di Unità d'Italia - Auguri Italia, Viva il Tricolore. L'Italia taglia oggi Read more

Festeggiamenti 150° Unità d’Italia, il consigliere Prezioso (Fli) propone il tricolore ad ogni balcone

No, non è perché gioca la nazionale di calcio italiana; ma perché c'è una squadra che è in campo da Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *