alpadesa
  
domenica 29 novembre 2020
Flash news:   Coronavirus, il cordoglio del sindaco di Atripalda Spagnuolo per il secondo decesso Coronavirus, secondo decesso ad Atripalda: morto un 64enne ricoverato al Moscati Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 126 contagiati in Irpinia Coronavirus, scuole chiuse ad Atripalda fino al 7 dicembre Coronavirus, fino al 7 dicembre confermata la didattica a distanza dalla seconda classe della scuola primaria. A breve l’ordinanza della regione “ABC Atripalda Bene Comune” festeggia un anno di attività. Roberto Renzulli: “città nel degrado, l’Amministrazione non ci ascolta” Piantumato l’albero donato al Comune dai giovani di “Idea Atripalda” Il Consorzio A5 a confronto su Donne e Opportunità Coronavirus, i numeri di oggi del contagio in Irpinia: 160 i positivi, 3 ad Atripalda Installazione colonnine per la ricarica auto elettriche ad Atripalda, nominata la commissione giudicatrice per l’apertura delle offerte

Foibe, nella “Giornata del Ricordo” i militanti di Rifondazione sbarrano porte e cancelli, chiudendo dentro i giovani di Fli. Interviene la Digos

Pubblicato in data: 10/2/2011 alle ore:21:54 • Categoria: Cronaca

centro-socialeMomenti di panico a “La Giornata del Ricordo” delle vittime delle Foibe organizzata da Generazione Futuro Avellino (movimento giovanile di Futuro e Libertà). Mentre all’interno del Centro Sociale Samantha Della Porta si stava svolgendo l’incontro dal titolo “I giovani s’interrogano“, a cui ha preso parte anche Antonio Prezioso, alcuni militanti di Rifondazione Comunista hanno chiuso porte e cancelli con catenacci e lucchetti. Per i giovani di Fli è stato un “atto di violenza gratuita” per gli autori del gesto si è trattato di “un gesto simbolico”. Sul posto sono giunti gli agenti della Digos che hanno evitato il peggio. Infatti si è sfiorato lo scontro. Intanto i rappresentanti di Fli hanno annunciato una denuncia nei confronti degli esponenti di Rifondazione.  «Una intollerabile violenza da parte di negazionisti comunisti, – commenta a caldo Prezioso – credevo che cinquanta anni bastassero per superare certe divisioni ormai inaccettabili ed anacronistiche. Con l’atto di questa sera non è stata fatta una beffa a Futuro e Libertà e ai giovani mlitanti, ma è stato infangata per l’ennesima volta la memoria di migliaia di nostri connazionali che sono stati assassinati in modo brutale dalla follia comunista titina».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *