alpadesa
  
Flash news:   Festeggiamenti Maria Santissima del Carmelo, il messaggio di Don Ranieri alla Città: “c’è bisogno di rinnovamento di stili di vita, abitudini di vita sociale, religiosa e spirituale” Diciott’anni Gian Marco Del Mauro, auguri L’associazione ACIPeA alla ribalta degli appuntamenti estivi Festeggiamenti Maria Santissima del Carmelo, domani messe in piazza Umberto I ad Atripalda con il vescovo Aiello Lavori a singhiozzo nel fiume Sabato, la protesta dell’ex sindaco Andrea De Vinco: «vanno finiti al più presto perché il corso d’acqua rappresenta l’immagine e la storia della città» Furti ad Atripalda, l’ex consigliere Luigi Caputo (Prc) attacca: “Ladri di biciclette e ladri di futuro. Amministrazione assente, evanescente e impalpabile” Us Avellino, Salvatore di Somma e Piero Braglia alla guida del nuovo progetto tecnico Cadono calcinacci ad Alvanite, le accuse dell’ex assessore Ulderico Pacia: “non è stato fatto nulla per il quartiere, i lavori per la sostituzione e riparazione delle grondaie furono appaltati nel 2017 e mai partiti” Dopo i furti alle auto e alle abitazioni arrivano i ladri delle biciclette ad Atripalda Prevenzione, ricordo e promozione territoriale: al Laceno il “Drive in Rosa 2020“

Gdf, operazione SmartCard anche ad Atripalda: bar con pay tv ad uso privato

Pubblicato in data: 4/3/2011 alle ore:16:06 • Categoria: Cronaca

guardia di finanzaProsegue con successo l’attività della Guardia di Finanza a tutela dei diritti d’autore: a finire nel mirino delle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Avellino sono finiti questa volta ristoranti, bar, sale-gioco e circoli ove erano diffuse le immagini relative ad eventi sportivi (partite del campionato di calcio di serie A) trasmesse in diretta sui canali a pagamento di due noti provider PAY-TV.
L’attività di servizio, confluita in quella che è stata denominata operazione SMART CARD, si è concretizzata in un piano articolato di controlli finalizzati alla verifica della tipologia di abbonamento stipulato dagli esercenti con le principali emittenti titolari di contratto “pay per view” in relazione agli eventi sportivi trasmessi in diretta. La normativa vigente prevede infatti che i diritti d’autore per la radiodiffusione, di importo maggiore quando diretti ad una platea più numerosa, siano assolti da chi diffonde l’evento, con conseguente incremento del costo dell’abbonamento nei casi in cui questi consentano la fruizione del’evento in locali aperti al pubblico.
E proprio in considerazione del maggior costo degli abbonamenti che consentono di decodificare tramite smart card e trasmettere liberamente i programmi televisivi, può talvolta capitare che taluni titolari di locali pubblici siano indotti ad utilizzare presso il proprio esercizio commerciale smart card concesse invece in virtù di un abbonamento riservato che invece consente unicamente la visone privata dell’evento.
L’operazione SMART CARD è scattata nell’ultimo fine settimana, in concomitanza con il fischio d’inizio dell’anticipo di serie A in programma sabato 26 febbraio, e si è poi protratta nelle successive giornate di domenica 27 e lunedì 28. Nella circostanza sono stati impegnati gli uomini della Compagnia di Avellino (agli ordini del capitano Salvatore Serra) e della Tenenza di Baiano (diretti dal maresciallo aiutante Marcello Daniele) che, con riferimento alla verifica degli abbonamenti dei singoli esercenti commerciali, hanno potuto beneficiare della collaborazione di due funzionari delle società che, per conto delle due principali PAY TV, hanno il compito di controllare la corrispondenza tra tipologia di abbonamento e smart card concessa per la decodifica e la diffusione dei programmi. Una vera e propria mappatura sul territorio degli esercizi commerciali dove solitamente vengono trasmesse le partite di calcio, operata dalle Fiamme Gialle nei giorni antecedenti l’operazione, ha consentito di effettuare controlli nei comuni di Avellino, Atripalda, Monteforte Irpino, Baiano, Sperone, Quadrelle e Mugnano del Cardinale: nei tre giorni di svolgimento delle partite dell’ultima giornata di campionato sono stati complessivamente effettuati controlli in 30 locali con l’individuazione di ben 15 esercenti che per trasmettere le partite nel proprio locale utilizzavano un abbonamento di tipo residenziale.
La condotta constatata integra la fattispecie penale di cui 171 ter (lettera “e”) della legge nr. 633/1941 motivo per cui i 15 responsabili sono stati deferiti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avellino, con contestuale sequestro dei 15 decoder (con relativa smart card) utilizzati. Nel corso dei controlli sono state altresì rilevate 8 mancate corresponsioni del canone di abbonamento RAI per l’anno 2011, con conseguente sanzione ai sensi del decreto legislativo nr. 473/1997 e segnalazione all’Agenzia delle Entrate (Ufficio SAT) di Torino.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Controlli Gdf su scontrini fiscali: 23 sospensioni di esercizi commerciali e 2 proposte di chiusura, nei guai anche fioraio di Atripalda

Vasta operazione delle Fiamme Gialle di Avellino contro le vendite senza scontrini e ricevute fiscali: 23 sospensioni di esercizi commerciali Read more

Fondi regionali: arresti domiciliari per il consigliere regionale Sergio Nappi

Truffa ai danni dello Stato: con questa ipotesi di reato, sono state eseguite questa mattina due ordinanze da parte della Read more

GdF, il tenente atripaldese Alessio Alvino alla guida del Comando di Sant’Agata di Militello

Il tenente Alessio Alvino alla guida del Comando di Sant'Agata di Militello (Messina). Il giovane tenente atripaldese, 38 anni, sposato Read more

Impianti di distribuzione carburante irregolari, scattano i sequestri e le denunce delle Fiamme Gialle anche ad Atripalda

Nell'ambito di un vasto piano d'intervento predisposto dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Avellino, per contrastare le frodi Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *