alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, altri cinque contagi ad Atripalda e 137 nuovi casi in Irpinia Coronavirus, da lunedì in Campania chiudono anche le scuole dell’Infanzia L’AssoApi di Roma si aggiudica la gestione per un anno del Farmer Market di Atripalda. L’assessore Musto: “Il Comune incasserà oltre dieci mila euro” Minaccia una coppia di vicini a contrada Alvanite: 55enne di Atripalda assolto dal Giudice Ognissanti e Commemorazione dei defunti: misure anti-contagio al Cimitero di Atripalda Coronavirus, comunicato del Sindaco di Atripalda sui 31 contagiati in città: “la buona parte non presenta sintomi” Coronavirus, il contagio non si ferma: altri 4 casi ad Atripalda. In provincia sono 187 i positivi Farmer Market di Atripalda, ok alla gestione annuale Tamponi drive-in, l’Asl attiva 5 postazioni fisse in Irpinia Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 247 contagi in Irpinia

Così non va – Basolato rovinato in piazza Umberto

Pubblicato in data: 10/3/2011 alle ore:11:32 • Categoria: Così non va

piazza umbertoBasolato lesionato e sollevato in piazza Umberto I (foto).
Molti, infatti, i basoli rovinati nella pavimentazione del salotto buono della città. Dopo il centro storico, piazza Municipio e vico Carlo, già oggetto di interventi realizzati con semplice catrame, i cittadini si augurano che lo stesso trattamento non sia riservato anche alla piazza centrale, «Spero vivamente che siano effettuati più approfonditi lavori di sistemazione della pavimentazione in modo che il problema sia risoltovelocemente ma in una prosettiva di lungo termine», questo il commento di un residente. Diverse, infatti, le segnalazioni e le lamentele da parte di cittadini atripaldesi per i lavori mal eseguiti soprattutto nel centro storico cittadino.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *