alpadesa
  
Flash news:   Cadono calcinacci ad Alvanite, le accuse dell’ex assessore Ulderico Pacia: “non è stato fatto nulla per il quartiere, i lavori per la sostituzione e riparazione delle grondaie furono appaltati nel 2017 e mai partiti” Dopo i furti alle auto e alle abitazioni arrivano i ladri delle biciclette ad Atripalda Prevenzione, ricordo e promozione territoriale: al Laceno il “Drive in Rosa 2020“ Prevenire i furti nelle abitazioni: i consigli dei Carabinieri del Comando provinciale di Avellino US Avellino, ecco il settore giovanile dei lupi Slitta l’assegnazione dell’edificio dell’ex Volto Santo di Atripalda Coronavirus, non si ferma la risalita dei contagi (+276) e 12 morti. In Irpinia nuovi positivi nell’alta valle del Sabato “IDEA Atripalda” chiede al Comune di Atripalda la concessione della cittadinanza onoraria a Patrick George Zaki Tre contrade ad Atripalda nel degrado tra proteste e polemiche sui social. Foto Movida e rischio assembramento ad Atripalda, il titolare del “BeviamociSu” annulla le serate estive. Sandro Lauri: «non mi va di passare come quello che mette a rischio la città ma altrove è peggio»

Pro Loco, martedì proiezione cinematografica per l’Unità d’Italia

Pubblicato in data: 12/3/2011 alle ore:10:30 • Categoria: Attualità

locandina pro locoTerzo appuntamento cinematografico di “Pro Cinema 2011“, martedi 15 marzo alle ore 19:00 presso la sede dell’associazione Pro Loco Atripaldese, in occasione del 150° anniversario dell’ Unita d’ Italia sarà proiettato il film “Il resto di niente“, di Antonietta De Lillo. Romanzo storico italiano di Enzo Striano, nel quale viene raccontata la vita di Eleonora de Fonseca Pimentel . Portoghese di nascita e nobile di origine, si trasferisce a Napoli con la famiglia, vivendo i primi anni della propria vita fra cultura e poesia. Il fallimento del matrimonio di interesse con il Conte De Solis, seduttore e repressore, rinforza il desiderio di Eleonora di immergersi nella poesia che personalmente scrive, e frequentare i circoli letterari dell’epoca, che per primi diffondevano le teorie liberiste francesi in opposizione all’idea di monarchia. Questo idealismo, che abbraccia con convinzione, la conduce a essere considerata reazionaria, e a essere imprigionata dal regime. Il cinema della staticità di Antonietta De Lillo, descrive gli umori e le filosofie di un’epoca di fortissimo cambiamento, aperta alla libertà e all’uguaglianza, e ancora così rigida perché legata alla storia. La regista riesce a realizzare un film affascinante e colto, così lontano dalle commedie italiane che affollano oggi le nostre sale, così intenso e coerente con le idee reazionarie della sua protagonista. Inizio proiezione ore 19.00 con ingresso gratuito.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
150 anni Unità d’Italia, il coro in festa della De Amicis

Celebrazioni per i 150 anni dell'Unità d'Italia e per il 40° anniversario della Pro Loco di Rita Venezia (docente di Read more

Unità d’Italia, Seat PG e FIAF invitano i fotografi di Avellino a immortalare l’evento: i migliori scatti in una mostra nazionale

17 MARZO 2011: Passione Italia. Una giornata Italiana. La Federazione Italiana Associazioni Fotografi (FIAF) e Seat PG invitano tutti i fotografi Read more

I vent’anni della Via Crucis di Atripalda: di padre in figlio l’atto di fede dei Giovino. FOTO

“Elì, Elì Lemà Sabachtanì? Via Crucis: storia, immagini e testimonianze di una tradizione”. È con questo titolo che ieri sera la Read more

“Pro Loco in Arte”, personale del maestro Antonio De Gisi

Giunta alla X° edizione prosegue la rassegna “Pro Loco in Arte”, iniziativa che mira a promuovere e valorizzare l’arte nel Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *