alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 247 contagi in Irpinia La Giunta Spagnuolo approva il progetto di fattibilità tecnico economica per i lavori di ristrutturazione del campo sportivo comunale “Valleverde” in erbetta sintetica. Il sindaco: “un intervento importante” Coronavirus, i nuovi casi in Italia sono 21.994 con i morti che salgono a 221. In Campania nuovo record Coronavirus, un nuovo caso ad Atripalda e 93 in Irpinia Cinque offerte per la gestione del Farmer Market di Atripalda: l’assessore Musto: “c’è forte interesse” Padre Gerardo Di Paolo è il nuovo Direttore della Biblioteca Statale di Montevergine Coronavirus, altri due contagi ad Atripalda e 69 in Irpinia Coronavirus, Idea Atripalda scrive al sindaco per chiedere un punto drive test per effettuare i tamponi naso-faringei L’Avellino travolge la Casertana: 3-1 il finale Si chiude la controversia giudiziaria tra il Comune di Atripalda e la Ingino Spa dopo che il Tar di Salerno dà ragione all’azienda agroalimentare

Cosmetici tossici per la salute, maxi sequestro della GdF in profumerie di Atripalda, Mercogliano ed Avellino

Pubblicato in data: 16/3/2011 alle ore:13:53 • Categoria: Cronaca

finanzaUn’articolata operazione condotta dalla Guardia di Finanza di Savona ha avuto nei giorni scorsi notevoli risvolti anche in Irpina con i Reparti del Comando Provinciale di Avellino impegnati nel sequestro di quasi 10.000 cosmetici risultati componenti pericolosi per la salute. Il sequestro è stato disposto dalla Procura della Repubblica di Savona che, a seguito di analisi chimico-tossicologiche eseguite su campioni di cosmetici (trucchi, ombretti, rimmel, fondo-tinta, rossetti), ha riscontrato nei prodotti la presenza di componenti pericolosi per la salute ed, in particolare di nichel, cobalto e cromo.
L’intera indagine è partita dai militari del Comando Provinciale di Savona che, insospettiti per i prezzi concorrenziali di alcuni prodotti di una nota casa produttrice di cosmetici, hanno interessato la Procura della Repubblica a quella sede che, in merito, ha disposto immediatamente specifiche analisi cliniche dei prodotti, messi in commercio a prezzi concorrenziali. Gli approfondimenti clinici, curati dall’A.R.P.A.L. – Azienda Regionale per la Protezione dell’Ambiente Ligure, portavano al rinvenimento di nichel, cobalto e cromo, sostanze particolarmente dannose per la salute umana in quanto in grado di provocare lesioni cutanee, dermatiti allergiche da contatto, blefariti ed altre manifestazioni patologiche dell’epidermide, con pericolosità confermata anche da uno specifico parere medico-specialistico fornito da un consulente tecnico.
Dopo il sequestro a Savona, le Fiamme Gialle acquisivano i dati relativi alla commercializzazione su tutto il territorio nazionale dei prodotti cosmetici e venivano interessati i diversi reparti del Corpo competenti agli accertamenti presso quelle profumerie che, ignare di tutto, avevano posto in commercio prodotti appartenenti ai lotti di produzione individuati.
Nelle scorse giornate pertanto anche il Comando Provinciale di Avellino è stato interessato e l’operazione in Irpinia si è sostanziata i sequestri di quasi 8.000 pezzi tra rossetti, fondotinta, smalti ed altri prodotti per la bellezza femminile da parte della Compagnia di Avellino in quattro profumerie di Avellino, Mercogliano ed Atripalda ed di altri 2.000 prodotti cosmetici dalla Tenenze di Ariano Irpino e dalla Tenenza di Baiano rispettivamente in due altre profumerie site a Mirabella Eclano ed a Sperone.
Con riferimento a tutto il territorio nazionale, sono stati sottoposti a sequestro circa 400.000 unità, con un numero più elevato di pezzi individuato presso la sede di una ditta operante in provincia di Perugia, distributrice a livello nazionale dei cosmetici.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *