alpadesa
  
sabato 16 gennaio 2021
Flash news:   Arriva la proroga ad Atripalda per la presentazione della domanda per l’accesso ai voucher alimentari Sorveglianza rafforzata: il prefetto Spena blinda Atripalda e Solofra dopo gli attentati intimidatori con le bombe carta Coronavirus, da lunedì 18 gennaio in presenza anche la terza classe della Primaria Attentato intimidatorio, pressing sul sindaco delle opposizioni. Landi: ”il tavolo in Prefettura doveva chiederlo lui” Bomba carta in città, Idea Atripalda: “cultura e comunicazione come antidoto alle violenze” Molestie al prete di Atripalda: condannati gli autori Nuovi parcometri ad Atripalda, l’opposizione “Noi Atripalda” boccia il bando: «un spreco per la città» Coronavirus, un nuovo contagio ad Atripalda Bomba carta alla Formaggeria, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo: “atto vile, bisogna lavorare in sinergia. L’Amministrazione dia vita ad iniziative culturali forti” La formaggeria riapre a 24 ore dal raid, Luca: “Siamo forti, andiamo avanti come se nulla fosse”

Questione mercato, delusi i rappresentanti sindacali degli ambulanti dall’incontro al Comune

Pubblicato in data: 16/3/2011 alle ore:20:30 • Categoria: Attualità

mercatoDelusione e amarezza tra i rappresentanti sindacali degli ambulanti del giovedì dopo l’incontro al Comune.
«Un nulla di fatto. Abbiamo l’impressione che si siano persi sei mesi di tempo – commenta amareggiato Peppino Innocente di Confcommercio -. Ora attendiamo l’informativa nel prossimo consiglio comunale al quale prenderemo parte. Ma l’Amministrazione comunale si è mossa in questi mesi verso altri scopi, procedendo alla riduzione e alla disgregazione di quella che ha sempre rappresentato una delle tradizioni storiche della città». Per Confcommercio l’ubicazione naturale del mercato resta il centro cittadino: «sua sede naturale e storica, rimodulandolo a misura delle esigenze della cittadinanza».
Amarezza anche per Rino Bilotto, direttore provinciale di Asso-Api: «Si và di male in peggio. Tra lassismo, menefreghismo, l’Amministrazione comunale ancora una volta si dimostra incapace di risolvere i problemi. Ci hanno chiesto di aver ulteriore tempo per individuare una soluzione definitiva. Con piccoli correttivi il mercato poteva restare lungo via Gramsci e contrada Santissimo». Per Asso-Api il mercato doveva restare lungo via Gramsci e contrada Santissimo: «apportando piccoli correttivi. Gli ambulanti, visto le difficoltà economiche del Comune, erano anche disposti ad anticipare le spese per sostenere i costi per la messa a norma delle aree, con anticipazioni da scalare poi sul pagamento della Tarsu e della Tosap. Ma l’Amministrazione non ha accolto la proposta. Atripalda, dopo aver perso la fiera del bestiame e quella dei bottai, oggi rischia seriamente di veder scomparire anche la storica fiera del giovedì. Settimana dopo settimana diminuiscono ambulanti ed utenti. Un mercato che in tempo di crisi economica riveste un importante ruolo di ammortizzatore sociale, visto che i prodotti venduti non temono concorrenza per prezzo e qualità».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *