alpadesa
  
Flash news:   Riapre al pubblico, dopo mesi di chiusura, il parco archeologico Abellinum ad Atripalda Us Avellino, esonerato mister Ezio Capuano Furti ad Atripalda, lettera aperta al comandante generale dei Carabinieri della Campania: “perché avete deciso di depotenziare la Caserma Eugenio Losco?” “C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi Ripartono dopo mesi i lavori di rinaturalizzazione del fiume Sabato. Foto Coronavirus, tornano i contagi in Irpinia: ben otto nuovi casi nel Serinese Inaugurata ad Atripalda la sede dell’Unione Artigiani Italiani e delle Piccole Medie Imprese Irpinia Rubano nella notte le gomme e lasciano due auto sui mattoni in piazza Cassese: i residenti chiedono la videosorveglianza. Foto Irpiniambiente, riparato il guasto allo Stir: da stasera riprende la raccolta dell’indifferenziato Regionali Campania, presentati i candidati di Europa Verde: per l’Irpinia c’è l’ex vicesindaco Luigi Tuccia

Taglio del nastro per l’associazione “Gli Amici della Casa di Adele” con il nuovo Centro di accoglienza in via Ferrovia

Pubblicato in data: 17/3/2011 alle ore:15:30 • Categoria: Sociale

casa-di-adele1La Casa di Adele, la Comunità Terapeutica Residenziale per pazienti con disagio psichico, sita in via Serino ad Atripalda, ha festeggiato ieri il suo ottavo anniversario. La struttura, che opera grazie a un partenariato sociale fra Enti pubblici (Asl Avellino, Comune di Atripalda, Consorzio dei Servizi Sociali A6) e Privato sociale (Acli Project Onlus), ha iniziato la propria attività il 3 marzo 2003.

casa-di-adele2In questi otto anni, la Comunità ha registrato quasi 70 ingressi, ha ospitato 41 persone e ha portato a termine con successo diversi reinserimenti domiciliari e sociali. Infatti, una corretta riabilitazione psichiatrica non solo restituisce la persona alla società, consentendole di recuperare un ruolo, ma allevia il carico familiare, previene le ricadute, riduce l’uso dei farmaci e il ricorso all’ospedalizzazione.

casa-di-adele3Per festeggiare l’evento ieri pomeriggio si è svolta un’importante iniziativa con l’inaugurazione del nuovo Centro di Accoglienza (foto), in via Ferrovia ad Atripalda.  Il taglio del nastro è stata l’occasione per presentare l’associazione “Gli Amici della Casa di Adele”, un’associazione di volontariato promossa dai dirigenti della Comunità, che si ispira ai principi di solidarietà umana e si propone di promuovere e di stimolare tutte quelle attività che riguardano la tutela della salute mentale.

casa-di-adele4Nello specifico, l’Associazione si pone i seguenti obiettivi:
• intervenire presso le autorità competenti, al fine di assicurare nelle strutture psichiatriche pubbliche
e private l’assistenza più adeguata ai sofferenti psichici;
• promuovere iniziative volte alla piena attuazione delle leggi nazionali, regionali e dei progetti obiettivo vigenti in materia;
• sollecitare l’emanazione di provvedimenti legislativi e amministrativi più rispondenti alle esigenze della tutela della salute mentale;
• svolgere attività di sensibilizzazione dell’opinione pubblica contro lo stigma e il pregiudizio, promuovere e stimolare indagini, ricerche e iniziative scientifiche e culturali sui temi relativi alla tutela della salute mentale;
• intervenire presso la Regione, gli Enti locali, i Consorzi dei Servizi Sociali e le Asl, affinché, singolarmente o in collegamento fra loro, provvedano alla formazione e all’aggiornamento pro-fessionale degli operatori impegnati nei servizi per la tutela della salute mentale.

casa-di-adele5La giornata ha visto anche una tavola rotonda alla quale hanno preso parte il sindaco di Atripalda, dottor Aldo Laurenzano,  il presidente dell’Acli Project Onlus, dottor Gerardo Salvatore, il direttore del Consorzio Servizi Sociali A6, dottor Carmine De Blasio, il direttore dell’Unità Operativa Salute Mentale del Distretto di Atripalda, nonché direttore della Casa Terapeutica Residenziale, dottor Antonio Tomasetti, la presidente provinciale dell’Acli, avvocato Francesca Silvestri, e la presidente dell’Associazione “Gli Amici della Casa di Adele”, Anna Gambale.
Dopo otto anni nasce quest’associazione di amici della Casa di Adele – commenta il dottor Tomasetti – e l’inaugurazione di questa nuova sede in via Ferrovia, una struttura destinata a supporto delle famiglie. Un centro di accoglienza che punta a diventare centro diurno per ospitare i sofferenti psichici“. 
Presenti tanti ospiti, gli ex ospiti della Comunità e i loro familiari.
La serata è stata poi allietata da una performance musicale condotta da Daniela Buonomo, musicoterapista della Casa di Adele.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Fibrillazioni a “La Casa di Adele”, i dipendenti lanciano nuovo allarme: “Chiediamo risposte concrete, il nostro futuro è a rischio”

"Chi fa assistenza è ridotto a chiederne, è questo il paradosso e la regola di questi tempi". Scrivono in una nota Read more

La “Casa di Adele” compie otto anni e nasce l’associazione. Oggi pomeriggio convegno con il commissario Florio

La Casa di Adele (foto), la Comunità Terapeutica Residenziale per pazienti con disagio psichico, sita in via Serino ad Atripalda, Read more

Domani la Festa dell’Estate a “La Casa di Adele”

Festa dell'Estate domani a partite dalle 18.30 a "La Casa di Adele", la Comunità Terapeutica Residenziale di via Serino ad Read more

Abellinum, il senatore Grassi: “Più fondi alla Cultura”. Antonacci: “Faremo la nostra parte fino in fondo”

«Scarsità di fondi e difficoltà ad individuare le persone giuste cui affidare il rilancio e la cura dei beni archeologici: Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *