alpadesa
  
domenica 05 luglio 2020
Flash news:   Regionali Campania, presentati i candidati di Europa Verde: per l’Irpinia c’è l’ex vicesindaco Luigi Tuccia Cadono calcinacci ad Alvanite, i giovani del quartiere si recano in Comune dal sindaco: “giornata molto intensa e costruttiva ma siamo stanchi di 40 anni di chiacchiere” Forte pioggia e allagamenti in via Appia: città bloccata Sinistra Italiana Atripalda lancia l’allarme: «Chiudono le banche, altro che Città dei Mercanti» Buon compleanno al “vulcano” Antonio De Vinco Addio a Ciriaco Coscia, un pezzo della storia politica del Pci in Irpinia. Il ricordo dell’ex consigliere Andrea Montuori Al via il Bando di Gara per il servizio di scassettamento dei venti parcometri ad Atripalda Guasto allo Stir, stop alla raccolta dell’indifferenziato fino a sabato in tutti i comuni Spenta la terza candelina per l’associazione Acipea e presentato il romanzo “Il Ricordo di un Amore” Playoff Serie C, Ternana-Avellino 0-0: lupi eliminati

Solo cento tifosi ammessi, tensioni al Valleverde. Pastore pensa di ritirare la squadra dal campionato

Pubblicato in data: 19/3/2011 alle ore:19:30 • Categoria: Calcio, Sport

stadio valleverdeAgitazione tra tifosi allo stadio “Valleverde” per le nuove disposizioni che limitano a cento il numero dei sostenitori ammessi sugli spalti. Durante il match tra Città di Atripalda e Montella, terminato 2 a 1 per la squadra ospite, si sono registrati momenti di forte tensione placati solo dall’arrivo delle forze dell’ordine. Il patron Nicola Pastore sembra deciso a ritirare la squadra atripaldese dal campionato di Promozione, secondo il presidente non ci sono, infatti, le condizioni per andare avanti. A motivare la drastica decisione, i disordini scoppiati durante il match. «Si è avuta la conferma che in queste condizioni ad Atripalda è impossibile fare calcio – sui è sfofato a caldo il direttore sportivo Walter Iannaccone -. Poichè la dirigenza del Città di Atripalda non vuol rischiare di beccarsi una denuncia ogni settimana, l’unica cosa da fare, purtroppo, è ritirare la squadra dal torneo».
L’impianto atripaldese, che ha un’agibilità non superiore alle 100 unità è stato invaso dai supporters provenienti da Montella. In molti sono riusciti ad entrare scavalcando le recinzioni esterne, creando non poche apprensioni. Nessun contatto c’è stato con la tifoseria di casa (molti tifosi dell’Atripalda hanno preferito abbandonare lo stadio) ma, comunque, è stato necessario l’intervento delle forze dell’ordine per riportare la calma.
Il timore della dirigenza atripaldese è quello di vedersi attribuite le responsabilità per non aver fatto rispettare le limitazioni imposte. Venendo al match, il Montella si è imposto con il punteggio di 2-1, grazie ad un gol per tempo, intervallato dal momentaneo pareggio dei padroni di casa siglato da Carbone.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Stadio Valleverde, Giovino si sfoga: “Amministrazione assente, finisce qui la mia disponibilità. Mi dispiace per i ragazzi”

"Si è deciso di farla finita con questa barzelletta dello stadio, finisce qui la mia disponibilità" a parlare Enrico Giovino Read more

Iniziati i lavori per l’installazione dell’erba naturale allo stadio “Valleverde”

Un'altra sfida, l'ennesima, alla quale il Città di Atripalda non ha voluto sottrarsi per continuare a coltivare le proprie ambizioni. Read more

Calcio, mercoledì stage con F.C. Juventus allo stadio “Valleverde”

Torna l'appuntamento con il grande calcio giovanile in riva al Sabato. Dopo il raduno di una settimana fa targato F.C. Read more

Torneo Calcistico Stracittadino, questa sera la finale

L'undicesima edizione del Torneo Calcistico Stracittadino di Atripalda volge alla conclusione con la finalissima di questa sera. Alle ore 17,50 Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *