alpadesa
  
Flash news:   Al via i lavori di rifacimento stradale di via Manfredi e via Pianodardine. Foto Festeggiamenti San Sabino, il vescovo Aiello ai fedeli: “comunità messa a dura prova dall’incendio. Se venerdì scorso avessi preso l’auto per andarmene a mare non sarei stato un buon pastore ma un mercenario”. FOTO Inaugurato il nuovo parcheggio pubblico di via Scandone, il sindaco: “soddisfatti di aver portato a compimento questo intervento”. Foto L’ex comandante della Polizia Municipale di Atripalda Salsano condannato in primo grado dal Tribunale di Avellino Sbanda con l’auto e abbatte una palma. Foto Ignoffo: «Tre punti fondamentali, ma abbiamo sofferto fino alla fine» L’Avellino corsara con il Picerno: terza vittoria consecutiva Nozze Donnarumma-De Maio, auguri Il Circolo Amatori della Bici finalmente a braccia alzate Incendio a Pianodardine, scattano i divieti. Il sindaco di Atripalda firma l’ordinanza

Due atripaldesi truffati online, i Carabinieri denunciano tre persone

Pubblicato in data: 23/3/2011 alle ore:09:40 • Categoria: CronacaStampa Articolo

computer1Tre persone denunciate dai Carabinieri della Stazione di Atripalda per truffe commesse via internet ai danni di due cittadini atripaldesi. Le indagini, avviate qualche mese fa e concluse nei giorni scorsi, hanno portato all’identificazione di un 30enne di Capri, un 40enne di Cremona ed in un 65enne di Foggia, in quest’ultimo caso i militari ritengono che l’autore materiale della truffa sia stato il figlio utilizzando l’account paterno.
In entrambi i casi la truffa è stata messa a segno attraverso i siti di aste e vendite online. Nel primo caso, un uomo di Atripalda aveva deciso di comprare un I-phone 4 ad un prezzo molto vantaggioso attraverso il noto sito e-bay, ma nonostante l’invio anticipato di quasi 500 euro, il povero acquirente non ha mai ricevuto alcun telefono o altra notizie da parte del fantomatico venditore.
Nel secondo caso un giovane atripaldese aveva adocchiato, su due distinti siti di vendite online, un personal computer ed una scheda di espansione della Ram e, ritenendo i prezzi di vendita molto convenienti, aveva deciso di inviare in modo anticipato addirittura 1500 euro. Ma degli oggetti, provenienti da due venditori differenti sfortunatamenti incontrati nello stesso momento, nessuna traccia. 
Al termine delle attività d’indagine i Carabinieri della Stazione di Atripalda sono addivenuti all’identificazione di tutti e tre i truffatori.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *