alpadesa
  
Flash news:   40° anniversario del terremoto, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “Profonda ferita, immensa la volontà e la forza per ripartire” Coronavirus, in Italia superati i 50mila decessi in nove mesi. In Campania 2.158 nuovi contagiati Coronavirus, il sindaco di Atripalda pronto a far slittare la riapertura di Infanzia e prima elementare al 30 novembre 40° anniversario del terremoto in Irpinia, il vescovo Aiello: “Alle 19:34 il suono delle campane delle chiese in memoria delle vittime” Coronavirus, in Campania da mercoledì 25 novembre si torna in classe per l’Infanzia e prime classi della Primaria 40° anniversario del terremoto in Irpinia: i Carabinieri commemorano le vittime del sisma e i caduti dell’Arma. VIDEO Coronavirus, 4 nuovi contagiati ad Atripalda e 79 positivi in Irpinia Coronavirus, il cordoglio della Misericordia di Atripalda per la scomparsa di Michele Gismondi. Il presidente Vincenzo Aquinno: “uomo forte, volontario coraggioso e amato” Coronavirus, primo decesso ad Atripalda: muore per il virus volontario della Misericordia e della Protezione civile. Il cordoglio del sindaco Alvanite a quarant’anni dal sisma, lettera aperta di Antonio Vitiello: «Attendiamo ancora una “scossa” positiva per il quartiere»

Ospedale Landolfi, l’appello alla riorganizzazione della Cgil – Cisl

Pubblicato in data: 31/3/2011 alle ore:13:00 • Categoria: Attualità

ospedale-landolfiIl rischio che il Presidio Ospedaliero Landolfi di Solofra possa chiudere è sempre più concreto atteso che la carenza in organico del personale infermieristico nelle Unità Operative e soprattutto in quelle di ostetricia e ginecologia, non consente il mantenimento degli standard previsti dal piano – riferiscono i Segretari Generali della CGIL FP e della CISL FP, Gigi Mauro e Doriana Buonavita.
Infatti, con Decreto n. 49 del 27/09/2010, la Regione Campania ha definito il Piano di riassetto Ospedaliero che, per quanto attiene al Presidio Landolfi di Solofra, prevede la configurazione di tale struttura di I livello della rete dell’emergenza con pronto soccorso e il mantenimento in attività del punto nascita per un biennio, al termine del quale le attività saranno rivalutate.
Risulta lapalissiano che il mantenimento e/o miglioramento degli standard fissati per il citato Presidio Ospedaliero possano essere conseguiti solo se le figure professionali e l’organizzazione del lavoro vengano rivisitate ed adeguate alle esigenze e richieste dell’utenza e degli operatori del settore.
Da un’attenta e mirata analisi risulta che, tra la dotazione attuale del personale e la dotazione minima indispensabile, c’è una considerevole discrasia in termini di presenza di figure professionali di comparto, area dirigenza e medico infermieristica dovuta ad intervenuti trasferimenti, cessazioni dal servizio, attività svolte da lavoratori a contratto e carenze di personale mai ricoperte.
Pertanto, anche alla luce delle limitazioni sull’utilizzo dello straordinario e di altri istituti contrattuali non ancora definiti in delegazione trattante, si evidenzia una preoccupante situazione legata alla difficoltà di far fronte alle richieste dell’utenza nonché all’appesantimento dell’attività lavorativa che prevede, per i pochi operatori presenti presso la struttura orari di lavoro e turnazioni non più sostenibili.
La CGIL FP e la CISL FP hanno da tempo chiesto al Commissario Straordinario Sergio Florio un incontro, tenuto conto delle richieste sul fabbisogno del personale eventualmente prodotte dalla dirigenza del Presidio Ospedaliero Landolfi e delle necessità di addivenire in tempi brevi ad una migliore organizzazione del lavoro, concludono Mauro e Buonavita.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *