alpadesa
  
domenica 16 febbraio 2020
Flash news:   Il Consiglio d’Istituto del Comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda elegge presidente Roberto Savarese ribaltando l’esito delle elezioni suppletive. Due genitori allontanati dai Vigili Laurea con lode di Francesca Bellizzi, auguri L’imprenditore atripaldese Marco Romano premia l’ex capitano della Roma Francesco Totti Us Avellino: Carlo Musa sollevato dall’incarico In marcia per la pace questo pomeriggio ad Atripalda L’ala piccola Lorenzo De Blasi si aggrega alla prima squadra della Scandone Avellino Via Melfi chiude di nuovo al traffico per lavori straordinari alle facciate laterali di Palazzo Del Gaudio Parte l’intervento di regimentazione delle acque a contrada Fellitto ad Atripalda. Foto Coniugi atripaldesi citano in giudizio Tour Operator per danno da vacanza rovinata Avellino–Cavese, disposizioni a seguito della chiusura della Tribuna Terminio

Crisi al Comune, gli scenari possibili. Larga intesa in consiglio per salvare Laurenzano? Prezioso (Fli): «Sarebbe la beffa più grande per gli atripaldesi»

Pubblicato in data: 6/4/2011 alle ore:16:34 • Categoria: Attualità, PoliticaStampa Articolo

aula consiliareA poche ore dell’incontro chiarificatore di stasera presso la segreteria provinciale del Pd ad Avellino, in via Tagliamento, in città si susseguono voci ed ipotesi. Tutto può succedere infatti sul tavolo provinciale convocato dal Partito Democratico.
Nel caso in cui ad Avellino il segretario provinciale Caterina Lengua non riesca a ricucire lo strappo tra il sindaco Aldo Laurenzano ed il gruppo cittadino del Pd guidato dal segretario Federico Alvino,  si andrebbe verso uno consilgio comunale per la verifica dei numeri e il concreto scioglimento anticipato del Consiglio comunale.
Ma per scongiurare la fine prematura della consiliatura targata Laurenzano, prendono corpo in città alcuni rumors su possibili alleanze trasversali in seno al parlamentino cittadino per consentire al sindaco Aldo Laurenzano di poter continuare ad avere una maggioranza che lo sorregga fino a maggio 2012: i numeri potrebbero arrivare da un appoggio dei consiglieri moderati di minoranza dell’Udc, Pdl, Arturo Iaione che andrebbero ad unirsi ai voti di Cives, Moschella, Adamo e Di Pietro. Fantapolitica o prove di grande centro?
Un’ipotesi che metterebbe nei fatti il Pd all’opposizione insieme al Fli. «Fin dall’inizio della consiliatura – afferma Antonio Prezioso, consigliere comunale di Fli – questo centrosinistra si è dimostrato litigioso e scollato, senza la giusta amalgama necessaria per amministrare una città. Tutto ciò è dimostrato dai diversi rimpasti di giunta che si sono succeduti negli anni. Ma l’aspetto più triste di tutta la vicenda è che la rottura avviene, non per diversità di vedute circa l’azione amministrativa o su progetti da realizzare per la città, ma su questioni legate strettamente alla liturgia dei partiti, che poco interessa alla gente. Questo epilogo nn fa altro che confermare l’inadeguatezza della vecchia politica atripaldese, incapace di fornire risposte alle reali esigenze dei cittadini. A questo punto spero solo che non corrispondano al vero le voci che danno frange dell’opposizione pronte a dare il proprio sostegno ad una nuova maggioranza che nascerebbe in consiglio comunale. Sarebbe la beffa più grande per gli atripaldesi».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *