alpadesa
  
Flash news:   Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto Pena ridotta in Appello per l’ex assessore comunale Scuole cittadine a rischio, dopo gli avvisi di garanzia non chiuderanno l’”Adamo” e la “Masi”. Il sindaco oggi relaziona al Consiglio d’Istituto straordinario: «Assolutamente nessun rischio chiusura, non c’è elemento nuovo che possa portare a qualcosa di diverso» Al via la stesura del libro sulla XI Edizione del “Torneo Calcistico Stracittadino” del 2011 Incidente lungo l’Ofantina, auto sbanda e si ribalta Scuola a rischio, nota del sindaco e del delegato ai lavori pubblici: «La doverosa iniziativa della Procura non ci sorprende né ci preoccupa ma stimolo sull’impegno intrapreso» Scuole a rischio, avvisi di garanzia a sindaco e tecnici comunali Vincenzo Aquino chiama le Misericordie irpine ad una svolta storica Atripalda Volley, domani presentazione ufficiale nella Sala Consiliare di Atripalda “Ripianti-Amo”, cinque nuovi alberelli in Piazzetta degli Artisti al posto di quello rubato. Foto

Frode fiscale con auto importate dall’estero ad Atripalda, 29 rinvii a giudizio

Pubblicato in data: 8/4/2011 alle ore:10:27 • Categoria: CronacaStampa Articolo

aula-di-giustizia1Ventinove rinvii a giudizio. A distanza di quattro anni dalla prima udienza preliminare nei confronti di trentatrè indagati, questa la decisione del Gup del Tribunale di Avellino Giovanfrancesco Fiore, che ha accolto in gran parte le richieste del pm della Procura di Avellino Elia Taddeo, che a sua volta aveva ereditato le indagini del suo collega Vittorio Santoro. 
Secondo le indagini, organizzavano acquisti intracomunitari in regime di sospensione dell’Iva. Non solo, tra le accuse anche quella di aver emesso fatture false e «la sottrazione fraudolenta di imposte, ribassi fraudolenti dei prezzi delle autovetture, ma anche introducendo sul mercato nazionale 3000 autoveicoli nuovi ed usati, senza il pagamento dell’Iva».
L’operazione fu denominta Virtual Trader condotta dalla procura avellinese e dal nucleo polizia tributaria di Avellino portò all’arresto di dieci persone e alla denuncia di altre 35.

In manette finirono imprenditori molto noti ad Atripalda, accusati di una truffa all’Iva per 120milioni di euro sull’importazione parallela di auto. Secondo le indagini delle Fiamme Gialle di Avellino erano gli imprenditori a tirare le fila dell’organizzazione che nell’arco di alcuni anni ha movimentato circa 15 mila autovetture, per un volume di affari di circa 600 milioni di euro, vendute ad autosaloni e a singoli acquirenti in provincia di Avellino ma anche nel resto d’Italia e all’estero: per sottrarsi al pagamento dell’Iva, l’organizzazione vendeva le auto soltanto sulla carta a prestanome residenti in Polonia e Spagna, le stesse auto che in realtà venivano importate da Francia e Germania.

Queste le accuse dalle quali ora gli indagati dovranno difendersi in un’aula del tribunale nel processo che è stato avviato a loro carico e che prenderà il via il 15 novembre prossimo.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *