alpadesa
  
Flash news:   L’AssoApi di Roma si aggiudica la gestione per un anno del Farmer Market di Atripalda. L’assessore Musto: “Il Comune incasserà oltre dieci mila euro” Minaccia una coppia di vicini a contrada Alvanite: 55enne di Atripalda assolto dal Giudice Ognissanti e Commemorazione dei defunti: misure anti-contagio al Cimitero di Atripalda Coronavirus, comunicato del Sindaco di Atripalda sui 31 contagiati in città: “la buona parte non presenta sintomi” Coronavirus, il contagio non si ferma: altri 4 casi ad Atripalda. In provincia sono 187 i positivi Farmer Market di Atripalda, ok alla gestione annuale Tamponi drive-in, l’Asl attiva 5 postazioni fisse in Irpinia Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 247 contagi in Irpinia La Giunta Spagnuolo approva il progetto di fattibilità tecnico economica per i lavori di ristrutturazione del campo sportivo comunale “Valleverde” in erbetta sintetica. Il sindaco: “un intervento importante” Coronavirus, i nuovi casi in Italia sono 21.994 con i morti che salgono a 221. In Campania nuovo record

Truffa il datore di lavoro e paga i debiti in benzina: i Carabinieri di Atripalda denunciano due avellinesi

Pubblicato in data: 8/4/2011 alle ore:20:18 • Categoria: Cronaca

benzinaio-rifornimentoTruffa il datore di lavoro per pagare i propri debiti in benzina. A finire nei guai due uomini di Avellino. I Carabinieri della Stazione di Atripalda hanno depositato, questa mattina, presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Avellino una comunicazione di reato a carico di due uomini di Avellino, responsabili di truffa in concorso. L’indagine è partita dal sospetto nei confronti del benzinaio dipendente di una pompa di benzina di Manocalzati, già noto per alcuni precedenti penali. L’uomo aveva messo in piedi una vera e propria truffa ai danni della società petrolifera che forniva i carburanti all’area di servizio.
All’origine della vicenda un vecchio debito trai due. Date le difficoltà nel restituire la somma, il creditore si era accordato con il benzinaio per una restituzione in natura, ovvero in benzina. Approfittando dell’assenza del titolare, il debitore ha provveduto a caricare centinaia di schede punti della raccolta premi regalate poi al creditore che aveva così diritto all’acquisto di benzina presso tutte le aree di quella società d’Italia.
I carabinieri, durante la perquisizione domiciliare fatta ai due denunciati, sono riusciti a recuperare 38 schede, tutte caricate con varie migliaia di punti e pronte per la riscossione di litri di benzina omaggio. I due sono stati quindi denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avellino.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *