alpadesa
  
Flash news:   Questione Falò di San Sabino e scontro tra genitori e dirigente scolastica, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo attacca sui silenzi dell’Amministrazione: «evidenziano la disgregazione della nostra comunità. Non c’è capacità di guidare i processi» Coronavirus, negativi i primi diciotto tamponi in Irpinia Regolamento per le misure di contrasto all’evasione e morosità dei tributi locali: scontro sulle sanzioni in Consiglio, l’opposizione incalza la maggioranza Scuole chiuse in Campania, il sindaco di Atripalda recepisce l’ordinanza del governatore De Luca Coronavirus, il governatore De Luca chiude scuole e università fino a sabato in Campania Coronavirus, tampone positivo in Campania L’Avellino vince il derby con la Paganese Va deserto il secondo esperimento di vendita dei cinque box artigianali di via San Lorenzo mentre torna sul mercato l’ex Centro Pmi Us Avellino, il presidente Izzo: “pronto a restare con D’Agostino o a cedere le mie quote” “Amica Pubblicità & Servizi” raddoppia e apre una seconda sede ad Avellino

Truffa il datore di lavoro e paga i debiti in benzina: i Carabinieri di Atripalda denunciano due avellinesi

Pubblicato in data: 8/4/2011 alle ore:20:18 • Categoria: CronacaStampa Articolo

benzinaio-rifornimentoTruffa il datore di lavoro per pagare i propri debiti in benzina. A finire nei guai due uomini di Avellino. I Carabinieri della Stazione di Atripalda hanno depositato, questa mattina, presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Avellino una comunicazione di reato a carico di due uomini di Avellino, responsabili di truffa in concorso. L’indagine è partita dal sospetto nei confronti del benzinaio dipendente di una pompa di benzina di Manocalzati, già noto per alcuni precedenti penali. L’uomo aveva messo in piedi una vera e propria truffa ai danni della società petrolifera che forniva i carburanti all’area di servizio.
All’origine della vicenda un vecchio debito trai due. Date le difficoltà nel restituire la somma, il creditore si era accordato con il benzinaio per una restituzione in natura, ovvero in benzina. Approfittando dell’assenza del titolare, il debitore ha provveduto a caricare centinaia di schede punti della raccolta premi regalate poi al creditore che aveva così diritto all’acquisto di benzina presso tutte le aree di quella società d’Italia.
I carabinieri, durante la perquisizione domiciliare fatta ai due denunciati, sono riusciti a recuperare 38 schede, tutte caricate con varie migliaia di punti e pronte per la riscossione di litri di benzina omaggio. I due sono stati quindi denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avellino.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *