alpadesa
  
domenica 31 maggio 2020
Flash news:   Coronavirus, in Irpinia nuovo positivo ad Ariano. Effettuati 116 tamponi Polemiche movida avellinese, don Fabio si rivolge agli assenti: “grazie per essere giovani di senso” Coronavirus, contagi sotto quota 400 e le vittime scendono a 75 in 24 ore Movida ad Avellino, “IDEA Atripalda“ contro il sindaco Gianluca Festa: “chieda scusa e si dimetta” «Atripalda la città dei Mercanti», presentato ieri in Comune il video pormozionale. Il sindaco: “ripartiamo uniti accogliendo le persone che vengono da fuori in tutta sicurezza”. FOTO “Oggi è il tuo nome, auguri Antonello” dallo zio Gabriele De Masi Coronavirus, su 190 tamponi effettuati in Irpinia un solo caso positivo: è di Prata P.U. Coronavirus, calano i contagi (+416) ma i morti salgono a 111 «Atripalda riparte, riparti da Atripalda»: questa mattina al Comune conferenza stampa per rilanciare il Commercio in città. VIDEO Coronavirus, due i positivi di oggi in Irpinia: Avellino e Gesualdo

Crisi al Comune, nota del consigliere Lello La Sala (MèL)

Pubblicato in data: 15/4/2011 alle ore:18:30 • Categoria: Merito è Libertà, Politica

sala-giuntaCrisi…andata e ritorno
Non è stato facile, per nessuno, districarsi in questa curiosa e contraddittoria crisi-noncrisi. Condita più di umori densi, ambizioni mancate, vapori di primavera, ricordi di inattuali rituali e di stregonerie ‘politiche’, prima che di fatti e di idee (beninteso di qualsivoglia, per quanto sbiadito, colore).
I fatti, scarni e persino inquietanti, nella loro prevedibile sequenza, hanno offerto la scena ad una classe politica allo sbando che, nel parossismo di un evidente fallimento, ha provato a riciclarsi, ricostruendosi ridicole ‘verginità’. E persino le dimissioni, annunciate, minacciate e rassegnate, prima durante e dopo (e variamente e disinvoltamente ‘motivate’) più che una presa d’atto, un rigurgito di ‘responsabilità’ per le promesse mancate e per una deriva amministrativa sotto gli occhi di tutti, sono sembrate il puerile tentativo di sfuggire alle proprie responsabilità
Insomma…quindici giorni sono bastati a dissolvere i fumi densi di una crisi in un bicchiere d’acqua, tra attese messianiche di attempati spiderman, bandebassotti di aspiranti a tutto, crisi politiche e crisi mistiche di ex capigruppo presunti (in attesa di nuova nomina), sospetti smarcamenti di sindaci… e neocives per caso. Passando, of course, per note occulte regie ed avventati sparigli. Tutti contro tutti…per ora…, tra rinvii e diserzioni, alla faccia e alle spalle della Città e dei suoi vecchi e nuovi problemi irrisolti.
Naturalmente non bastano ‘pizze a pranzo’ e convocazioni ‘mancate’ a dare senso e spessore a qualche riposta ambizioncella ed a forme residuali ed insufficienti di occasionale protagonismo. E si illude chi crede (da una parte e dall’altra) di aver già vinto a tavolino.

Raffaele La Sala
consigliere comunale “Merito è Libertà”

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
“Luigi Sessa e l’avventura americana”, nota di Lello La Sala

In questi giorni è tornato nella sua città natale Luigi Sessa. Dopo 15 anni si riaffaccia sulle rive del Sabato Read more

“Atripalda, il risanamento farlocco”, nota di Lello La Sala

E così, come era prevedibile e Piazza Grande aveva dimostrato con una accurata analisi degli atti, il bilancio di previsione Read more

“Il martedì degli incendi e il mercoledì delle ceneri…”, nota di Lello La Sala

I social hanno svolto nella giornata di ieri una attività informativa veramente encomiabile e a Lia Gialanella va il merito di essersi Read more

“Piazzetta degli Artisti…oltre la siepe”, nota di Lello La Sala

No, la sedicente necessaria potatura di un siepe (che schermava e faceva da quinta scenica, oltre a definire spazi ed Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *