alpadesa
  
domenica 20 settembre 2020
Flash news:   Festeggiamenti San Sabino, il vescovo di Avellino Arturo Aiello nell’omelia si rivolge ai giovani «abbiate rispetto della vostra vita e di quella degli altri». Foto Idea Atripalda denuncia: “persi 90 mila euro messi a disposizione dal Governo per lavori di efficientamento energetico’ Riapertura scuole ad Atripalda, l’Amministrazione alla ricerca di immobili da adibire ad aule e laboratori Il Parco archeologico di Abellinum e la basilica paleocristiana di Atripalda interessati da lavori di pulizia straordinaria. Foto Giovani e lavoro, l’impegno di Alessia Castiglione (Fdi): “Eliminare tutti gli ostacoli alla creazione di occupazione e ricchezza” Regionali, il candidato Luigi Tuccia: «L’equità sociale e la salvaguardia dell’ambiente sono le sfide per realizzare il domani» Regionali, Carlo Iannace questa mattina incontra gli elettori di Atripalda Il colonnello Luigi Bramati nuovo Comandante Provinciale dei Carabinieri di Avellino Presentata la Maglia Ufficiale dell’Us Avellino per la Stagione 2020/21 Serie B, Scandone: esordio con Pozzuoli il 15 novembre

Via Crucis, anche la Rai alla sacra rappresentazione del Venerdì Santo

Pubblicato in data: 20/4/2011 alle ore:19:21 • Categoria: Attualità, Cultura

viacrucisatripaldaAncora piccoli accorgimenti e tutto sarà pronto per la messa in scena di “Elì, Elì, Lemà Sabachtanì“, la Sacra Rappresentazione in costume d’epoca del Venerdì Santo di Atripalda, una delle più antiche tradizioni della Città dei Mercanti. L’evento che richiama le folle e che tante volte in questi anni ha attirato l’interesse dei media regionali e della RAI TV. I costumi di scena molto preziosi, la cura minuziosa di ogni particolare, la suggestione dei luoghi, restituiscono in pieno e con enorme intensità due delle fasi più emblematiche della Passione di Cristo: il Processo di Pilato e la Crocefissione!
E’ riconducibile all’inizio del 1800, grazie al devoto pescatore del quartiere popolare di Capo la Torre, il rapporto di fede che lega la terra di Sant’ Ippolisto di Antiochia e dei Santi Martiri di Atripalda ai momenti della Passione di Nostro Signore Gesu’.
I protagonisti dell’opera diretta da Lucio Mazza, sono Salvatore Mazza, Luciano Picone, Felice Cataldo e Modestino Minichiello. Nell’ordine vestiranno Ponzio Pilato, Caifa, Erode Antiba ed Hannan.
A questi si aggiungeranno altri personaggi di ordine minore e tantissime comparse fino a comporre un cast unico di circa duecento attori.
viacrucisatripalda_4Enrico Giovino, l’anello di congiunzione tra la tradizione remota e quella attuale, passando per nonno Nicola e papà Pellegrino, sarà come al solito Gesù di Nazareth. La direzione di palco è di Lucio Mazza. La direzione tecnica è invece affidata per la prima volta ad un atripaldese, Carmine Romito, il quale, per la complessa circostanza impiegherà una potenza di oltre centomila watt. Migliaia di luci illumineranno la “Civita” ponendo in risalto le quinte murarie della città fortificata già in epoca Sannita, le Terme e la Domus romana.
L’impianto urbano dell’antica città di Abellinum, delimitato da una cinta muraria di circa due chilometri, ospiterà dunque uno dei due momenti più alti della Passione di Atripalda, quello in cui Ponzio Pilato consapevolmente emette la ingiusta sentenza di condanna alla crocefissione del Galileo.
viacrucisatripalda_2La scelta dell’area archeologica di Abellinum come teatro di posa – così recita il Presidente della Pro Loco di Atripalda Fernando Cucciniello – è da collocarsi nella direzione della valorizzazione del nostro notevole patrimonio storico ed artistico. Và ricordato che i resti dell’antica città di Abellinum occupano l’attuale pianoro della “Civita”, a nord-ovest dell’odierna Atripalda, sulla riva sinistra del fiume Sabato. La Sacra Rappresentazione si inquadra in un progetto molto ambizioso di rilancio culturale, di ricerca e di recupero delle nostre più antiche tradizioni. E’ dunque con enorme entusiasmo e con un notevole impiego di risorse finanziarie, grazie pure al contributo del 5×1000, che ci apprestiamo ancora una volta a consegnare alla città ed agli accorrenti di ogni dove una delle nostre più interessanti pagine di storia“.
viacrucisatripalda_1La Rappresentazione avrà inizio alle ore 20.15 nel Parco Archeologico di Abellinum con il Processo di Pilato e si concluderà con la Crocefissione sulla collina di S.Pasquale.
In tale occasione, la Pro Loco Atripaldese offre ai visitatori la possibilità di pernottare presso le strutture alberghiere cittadine e di partecipare, nella mattinata di sabato 23 aprile, alla visita guidata (su prenotazione) all’area archeologica di Abellinum.
Consigliamo a chi raggiungerà da fuori Atripalda di lasciare l’auto nei parcheggi segnalati alla periferia del centro città.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *