alpadesa
  
Flash news:   Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto Pena ridotta in Appello per l’ex assessore comunale Scuole cittadine a rischio, dopo gli avvisi di garanzia non chiuderanno l’”Adamo” e la “Masi”. Il sindaco oggi relaziona al Consiglio d’Istituto straordinario: «Assolutamente nessun rischio chiusura, non c’è elemento nuovo che possa portare a qualcosa di diverso» Al via la stesura del libro sulla XI Edizione del “Torneo Calcistico Stracittadino” del 2011 Incidente lungo l’Ofantina, auto sbanda e si ribalta Scuola a rischio, nota del sindaco e del delegato ai lavori pubblici: «La doverosa iniziativa della Procura non ci sorprende né ci preoccupa ma stimolo sull’impegno intrapreso» Scuole a rischio, avvisi di garanzia a sindaco e tecnici comunali Vincenzo Aquino chiama le Misericordie irpine ad una svolta storica Atripalda Volley, domani presentazione ufficiale nella Sala Consiliare di Atripalda “Ripianti-Amo”, cinque nuovi alberelli in Piazzetta degli Artisti al posto di quello rubato. Foto

Controlli pasquali, tre persone denunciate ad Atripalda

Pubblicato in data: 28/4/2011 alle ore:14:25 • Categoria: CronacaStampa Articolo

carabinieriNel corso del ponte per le festività pasquali, ed in particolar modo nel giorno di pasquetta, i carabinieri della Compagnia di Avellino hanno dato corso ad un servizio coordinato a largo raggio per il controllo del traffico turistico che, come di consueto, prende d’assalto le montagne dell’Irpinia. Nella sola giornata di ieri, oltre 60 militari in divisa, a bordo di circa 30 pattuglie automontate, hanno vigilato sul corretto svolgimento del divertimento pasquale, effettuando posti di controllo lungo le principali arterie stradali e controlli nella aree più frequentate per picnic, scampagnate e gite fuori porta. Al termine del servizio, i risultati sono stati di 11 persone deferite in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avellino.
In un primo caso, un 60enne solofrano è stato deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avellino perché ritenuto responsabile del reato di “sottrazione di cose sottoposte a sequestro”: l’uomo è stato infatti trovato alla guida della propri autovettura ch’era già stata sottoposta a sequestro amministrativo, dagli stessi militari di Solofra, perché priva di assicurazione obbligatoria. La stessa sorte, peraltro, è toccata anche ad altri due soggetti di Atripalda, un uomo di 50anni ed una donna di 49, sorpresi alla guida di due autovetture che erano state a loro affidate in custodia giudiziaria e che quindi non potevano essere assolutamente utilizzate.
Sempre a Solofra, un 33enne pregiudicato del posto, conosciuto dai militari, è stato per l’ennesima volta denunciato a piede libero per inosservanza degli obblighi derivanti dalla sorveglianza speciale di p.s. cui risulta sottoposto: in questo caso, l’uomo è stato controllato unitamente ad altri pregiudicati del posto, che aveva l’assoluto divieto di frequentare. Anche per questo specifico reato, un altro pluripregiudicato atripaldese, appena 26enne ma già sottoposto alla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, è stato denunciato per essersi frequentato con altri pregiudicati e per non aver portato con sé la carta precettiva. Il terzo deferito in stato di libertà proviene invece da Acerra ed è un 38enne ritenuto responsabile del reato di guida senza patente, dopo esser stato sorpreso alla conduzione della propria autovettura Fiat Punto privo della patente di guida in quanto revocatagli per assenza dei requisiti morali.
Ancora, un 37enne di Monteforte Irpino, è stato denunciato sempre a piede libero alla Procura avellinese perché responsabile dei reati di “false attestazioni a pubblico ufficiale” e “false dichiarazioni sulla propria identità personale”: egli, regolarmente fermato durante un controllo alla circolazione stradale, non solo declinava false generalità, ma forniva altresì ulteriori dichiarazioni mendaci circa i parenti che portava con sé in macchina.
Un 40enne atripaldese, invece, è stato deferito per il reato previsto dal codice della strada di guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti, giacché sorpreso alla guida dell’autovettura Fiat Punto dopo aver fatto uso di eroina, le cui tracce erano ancora ben visibili nell’autovettura. Per la guida in stato di ebbrezza alcolica, invece, sono stati denunciate due persone: un 36enne di Avellino ed un 48enne di Manocalzati, entrambi sorpresi alla guida delle rispettive autovetture con dei tassi alcolemici superiori al livello massimo consentito dalla legge.
Per quanto riguarda gli incidenti stradali, invece, un incivile automobilista di appena 28 anni di Atripalda è stato denunciato a piede libero per il reato di omissione di soccorso: il giovane, non pago di avere già la colpa di un tamponamento, non solo ha omesso di prestare assistenza all’altro automobilista coinvolto, ma dopo l’urto è pure sceso dall’autovettura e gli ha dato una testata sulla fronte, per poi allontanarsi repentinamente dal luogo del sinistro stradale.
Ancora, durante i numerosi controlli ad autoveicoli e giovani a bordo, sono stati anche segnalati amministrativamente alle competenti Prefetture, quali assuntori di sostanze stupefacenti, 3 giovani trovati in possesso di quantitativi minimi di marijuana e hashish, quindi compatibili con l’uso personale. Numerose infine le patenti ritirate ed i punti decurtati per varie gravi contravvenzioni al codice della strada come il sorpasso pericoloso, la guida contromano e simili. Così come svariate sono state le autovetture sequestrate per mancanza della copertura assicurativa.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *