alpadesa
  
Flash news:   Movida e rischio assembramento ad Atripalda, il titolare del “BeviamociSu” annulla le serate estive. Sandro Lauri: «non mi va di passare come quello che mette a rischio la città ma altrove è peggio» Giallo in Comune, rubato il portafogli di un’impiegata Riapre al pubblico, dopo mesi di chiusura, il parco archeologico Abellinum ad Atripalda Us Avellino, esonerato mister Ezio Capuano Furti ad Atripalda, lettera aperta al comandante generale dei Carabinieri della Campania: “perché avete deciso di depotenziare la Caserma Eugenio Losco?” “C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi Ripartono dopo mesi i lavori di rinaturalizzazione del fiume Sabato. Foto Coronavirus, tornano i contagi in Irpinia: ben otto nuovi casi nel Serinese Inaugurata ad Atripalda la sede dell’Unione Artigiani Italiani e delle Piccole Medie Imprese Irpinia Rubano nella notte le gomme e lasciano due auto sui mattoni in piazza Cassese: i residenti chiedono la videosorveglianza. Foto

Gli Amatori della Bici presenti in Emilia ed Umbria

Pubblicato in data: 3/5/2011 alle ore:10:00 • Categoria: Ciclismo, Sport

diecicolli_2011-022Il Circolo Amatori della Bici di Atripalda, con gli atleti De Vito, Amatucci e De Cicco (nella foto), ha partecipato alla Granfondo Dieci colli di Bologna, valida per il Campionato Prestigio 2011.
La gara prevedeva 160 km molto vallonati e terminanti con l’ascesa del Monte Maggiore che presentava tratti al 18 %!
Il trio atripaldese, accompagnato da una bella giornata di sole, ha concluso la gara, conservando intatte tutte le possibilità di conseguire il brevetto Prestigè 2011, nonostante anche questa volta la sfortuna si è accanita contro la truppa giallo blù. Antonio De Cicco infatti, dopo pochi chilometri, riportava la rottura del cambio e doveva concludere la gara senza possibilità di utilizzare i rapporti agili!
Non lontanissimo, da Bologna, in Umbria, un’altra coppia di ciclisti atripaldesi Maurizio Capossela e Carlo Galasso hanno preso parte alla Granfondo della Pace, manifestazione che mira alla coesione sociale, oltre alla non mai stanca richiesta di pace!
Gli Amatori della Bici, inoltre, confermano la partecipazione alla prossima “Pedalata Rosa” in programma domenica 8 maggio per le strade cittadine e ottimamente organizzata dalla UISP di Avellino a cui il Circolo è federato. La truppa giallo-blù scorterà il corteo ciclistico sino alle rampe del Santuario di Montevergine.
Il presidente del sodalizio Alvino ricorda inoltre che anche quest’anno è possibile devolvere il 5‰ all’ASD Circolo Amatori della Bici di Atripalda (c.f. 92057010644) che oramai da quasi un decennio si spende per l’organizzazione di manifestazioni sportive e socio-culturali nella nostra provincia e porta, in giro per l’Italia tutta, i colori della nostra terra.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Gli Amatori della Bici salutano il nuovo anno tra sport e solidarietà. FOTO

Il Circolo Amatori della Bici di Atripalda ha degnamente festeggiato la stagione 2015 con una mega festa all’insegna di “cibo Read more

Amatori della Bici divisi tra salernitano, Gargano e Terra di lavoro. FOTO

Dopo l’epica impresa compiuta a Cesenatico dal Circolo Amatori della Bici di Atripalda, il gruppo ciclistico giallo-fluo, approfittando del lungo Read more

Amatori della Bici: Roma Capitale per iniziare la stagione 2015

Così come s’era chiusa la stagione agonistica 2014, con la partecipazione alla Granfondo Città di Roma, gli Amatori della Bici Read more

Circolo Amatori della Bici di Atripalda, distribuito calendario pro Telethon

Con l’approssimarsi delle feste natalizie, il Circolo Amatori della Bici di Atripalda ha, ancora una volta, evidenziato la sua mission: Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *