alpadesa
  
Flash news:   Ordinanza per regolamentare l’accensione dei fuochi per smaltire i residui vegetali: ecco le prescrizioni da seguire. Multe in caso di inosservanza Lavori abusivi eseguiti in fondo archeologico di Atripalda, due persone denunciate dai Carabinieri Forestale Atripalda Volley, partenza lanciata: battuta 3 a 1 la Sacs a Napoli Giovedì 31 ottobre IX edizione del Premio giornalistico “Mimmo Castellano” Lesioni e cornicioni a rischio crollo, intervento dei Vigili del Fuoco con Utc e Polizia municipale a Palazzo Piarulli ad Atripalda.FOTO Inchiesta scuole, il sindaco relaziona per quasi un’ora dinanzi al Consiglio di Istituto della “De Amicis-Masi”. La ds Carbone: «Siamo fiduciosi del lavoro svolto dalla Procura e attendiamo gli esiti». FOTO Domani al Parco Avventura percorso di Neuroeducazione ed Educazione Emozionale Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto

Pro Cinema 2011, martedì omaggio al regista Ettore Scola con la proiezione di “Brutti, sporchi e cattivi”

Pubblicato in data: 5/5/2011 alle ore:14:30 • Categoria: Attualità, CulturaStampa Articolo

locandina1Quinto appuntamento cinematografico di “Pro Cinema 2011“, martedi 10 maggio alle ore 19:00 presso la sede dell’associazione Pro Loco atripaldese con un omaggio al regista Ettore Scola, verrà proiettato il film “Brutti, sporchi e cattivi“, commedia del 1976 con Nino Manfredi, Marcella Michelangeli.
Il film è ambientato nel mondo delle “baraccopoli” ai margini delle grandi città (in questo caso, Roma). Descrive impietosamente le miserie materiali e morali di cui soffrono i poveri che abitano le baracche. Sembra quasi lo scenario di “City of God“, pellicola più recente ambientata nella “favela” brasiliana, quello che Scola offre agli occhi dello spettatore con questo film a metà strada tra commedia nostrana e tardo neorealismo. Il regista non risparmia quasi nulla nel mostrare il carnaio di vite ammassate in un sobborgo che si stenta a riconoscere come romano. Eppure su questo colle dal quale si scorge la semiperiferia residenziale della capitale, nonché il “cupolone”, accade quello che agli occhi dei cittadini arriva solo come piccola criminalità: gli scippi che i figli del povero – ma avaro e meschino – Giacinto (Manfredi) commettono per le vie del centro vanno ad alimentare la miseria senza riserve della quale si nutre chi nulla ha a che vedere con i lati positivi del boom economico degli anni settanta. Quasi un film-denuncia, un’analisi sociologica della precarietà come conseguenza della modernità, grazie alla quale si ride, ma pur si riflette, su una realtà che mostra chiaramente che la devianza è dovuta spesso alle condizione nelle quali si nasce. Il degrado si unisce ad una strana poetica del sopravvivere, fino a mostrare che la descrizione filmica di una simile condizione è tanto efficace quanto più è grottesca.
Inizio proiezione ore 19.00 con ingresso gratuito.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *