alpadesa
  
Flash news:   Furti ad Atripalda, lettera aperta al comandante generale dei Carabinieri della Campania: “perché avete deciso di depotenziare la Caserma Eugenio Losco?” “C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi Ripartono dopo mesi i lavori di rinaturalizzazione del fiume Sabato. Foto Coronavirus, tornano i contagi in Irpinia: ben otto nuovi casi nel Serinese Inaugurata ad Atripalda la sede dell’Unione Artigiani Italiani e delle Piccole Medie Imprese Irpinia Rubano nella notte le gomme e lasciano due auto sui mattoni in piazza Cassese: i residenti chiedono la videosorveglianza. Foto Irpiniambiente, riparato il guasto allo Stir: da stasera riprende la raccolta dell’indifferenziato Regionali Campania, presentati i candidati di Europa Verde: per l’Irpinia c’è l’ex vicesindaco Luigi Tuccia Cadono calcinacci ad Alvanite, i giovani del quartiere si recano in Comune dal sindaco: “giornata molto intensa e costruttiva ma siamo stanchi di 40 anni di chiacchiere” Forte pioggia e allagamenti in via Appia: città bloccata

Altavilla, Angelina uccisa dal suo cane. Smentita la notizia che l’animale è in custodia presso il canile di Atripalda

Pubblicato in data: 7/5/2011 alle ore:14:00 • Categoria: Cronaca

canile-atripalda1L’esame autoptico ha fugato i residui dubbi sulla morte di Angelina Cennerazzo, la contadina di Altavilla Irpina, morta dissanguata nei pressi della cuccia del suo cane. In un primo momento, infatti, benché fosse apparso chiaro che il grosso meticcio a cui aveva portato da mangiare l’avesse azzannata al collo provocandole profonde ferite, non era stata esclusa l’ipotesi in un malore della donna che, perso i sensi, sarebbe stata alla mercè del cane inspiegabilmente inferocito. L’autopsia svolta sul corpo della sfortunata 58enne, però, ha incolpato unicamente l’animale: la morte è sopraggiunta a seguito proprio dei terribili morsi del meticcio, in preda a un raptus. Sgomenta, la comunità del piccolo centro irpino parteciperà domani ai funerali di Angelina, stringendosi alla famiglia che, di lì a poco, avrebbe festeggiato le nozze del figlio.
Il cane intanto non è vero che è stato preso in cura dal canile comunale di Atripalda (nella foto l’ingresso). A confermare la notizia, che smentisce quando affermato invece da alcune emittenti televisive locali, è Angela Luongo, che con l’associazione Aipa, si prende cura da anni del canile della valle del Sabato.
Non è assolutamente vero che il cane di Altavilla è stato affidato a noi – afferma per telefono Angela -. Tengo a precisare questa notizia. Altavilla ha uno dei canili privati più grandi, quindi non è stato portato da noi. Anzi sono pronta a scrivere al sindaco per capire questo cane che fine abbia fatto”.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Speciale Canile di Atripalda, lettera di ringraziamento dell’Aipa

Caro Direttore, L'appello lanciato in rete con il vostro filmato di approfondimento sul canile di Atripalda ha fatto il giro Read more

Viaggio nel canile comunale di Atripalda

[flv image="https://www.atripaldanews.it/video/canile 15 febbraio 2010.jpg"]https://www.atripaldanews.it/video/canile 15 febbraio 2010.flv[/flv] Viaggio delle telecamere di AtripaldaNews nel canile municipale di via Pianodardine, con Read more

Incrocio pericoloso ad Atripalda: ennesimo incidente stradale lungo via Gramsci

Ennesimo incidente stradale lungo via Gramsci ad Atripalda. Paura nel primo pomeriggio di ieri all’altezza del pericoloso incrocio che dà Read more

Lite tra vicini a contrada Alvanite, in corso il processo: la donna ha chiesto un risarcimento per minacce di morte

“Ti sgozzo, ti taglio la gola. Se salgo sopra ti butto giù dal balcone”. Sarebbero  queste,  secondo l’accusa formulata dalla Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *