alpadesa
  
Flash news:   Seconda edizione della cinerassegna invernale “Agguattiti buono!”: domani sera la presentazione Avellino, il centrocampista Tomas Federico è un nuovo tesserato Vince la lista “Insieme si può” di Lia Gialanella al Comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda per l’elezione della componente genitori nel Consiglio d’Istituto Estraggono 800 metri cubi di pietra dal fiume Sabato: la Forestale mette i sigilli L’Atripalda Volleyball batte Martina e consolida il settimo posto Oggi il Giorno della Memoria per non dimenticare la tragedia della Shoah Non basta Micovschi, finisce 1-1 col Picerno Torna nella chiesa la tela offerta in dono nuziale. Foto “Verità per Giulio Regeni”: a quattro anni dalla scomparsa restano ancora ombre Pista di pattinaggio per il Natale ad Atripalda, dopo le polemiche sui social per il contributo del Comune il gestore Sergio Argenio si difende

Massaggi abusivi in contrada Santissimo, denunciata 46enne ucraina

Pubblicato in data: 16/5/2011 alle ore:09:35 • Categoria: CronacaStampa Articolo

stazione-carabinieri-atripaldaEffettuava massaggi abusivi in casa: nei guai 46enne ucraina residente in contrada Santissimo. Per la donna una denuncia penale e due sanzioni amministrative ma nessun sequestro dell’abitazione nè sospensione dell’attività.
La donna aveva avviato presso la propria abitazione di residenza, un’attività di massaggiatrice senza essere in possesso dei requisiti previsti dalle legge, né delle dovute autorizzazioni comunali. La straniera, classe 1964, in un edificio non lontano dalla Caserma dei Carabinieri di Contrada Santissimo (foto), dove vive insieme alle due giovani figlie, aveva messo su una vera e propria attività di massaggi che, a quanto pare, era ben frequentata e doveva fruttare non poco alla signora. 
I Carabinieri della Locale Stazione hanno così deferito la donna in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avellino. Oltre alla denuncia penale, due sanzioni per le violazioni dei regolamenti amministrativi, pari rispettivamente al pagamento di 860 euro la prima e di 344 euro la seconda. Nessun provvedimento di sequestro, essendo chiaramente quella l’abitazione della donna e delle figlie, né alcuna sospensione dell’attività abusiva.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *