alpadesa
  
Flash news:   Ordinanza per regolamentare l’accensione dei fuochi per smaltire i residui vegetali: ecco le prescrizioni da seguire. Multe in caso di inosservanza Lavori abusivi eseguiti in fondo archeologico di Atripalda, due persone denunciate dai Carabinieri Forestale Atripalda Volley, partenza lanciata: battuta 3 a 1 la Sacs a Napoli Giovedì 31 ottobre IX edizione del Premio giornalistico “Mimmo Castellano” Lesioni e cornicioni a rischio crollo, intervento dei Vigili del Fuoco con Utc e Polizia municipale a Palazzo Piarulli ad Atripalda.FOTO Inchiesta scuole, il sindaco relaziona per quasi un’ora dinanzi al Consiglio di Istituto della “De Amicis-Masi”. La ds Carbone: «Siamo fiduciosi del lavoro svolto dalla Procura e attendiamo gli esiti». FOTO Domani al Parco Avventura percorso di Neuroeducazione ed Educazione Emozionale Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto

Sigilli alla Civita, lutto cittadino e corteo funebre. Palladino: «Ad Atripalda la cultura è morta»

Pubblicato in data: 20/5/2011 alle ore:14:48 • Categoria: Attualità, CulturaStampa Articolo

lucchetti-ad-abellinum«La cultura è morta. Dopo i tagli governativi e dopo i sigilli alla Civita non possiamo che piangere la lenta agonia e quindi la morte di un settore che dovrebbe essere il nostro core business e che adesso si limita ad essere orpello senza interesse. A questo punto siamo se qualcuno si permette di definire un sito come la Civita “immondizia”. Contro la violenza della decisione del Tar e contro l’arroganza di chi, dopo aver incassato una cifra esorbitante dalle casse dello Stato, scenderemo in strada per mostrare il dolore di una società ferita nella sua essenza, perché non possiamo dimenticare la cultura che ci ha generati, non possiamo dimenticare che siamo italiani e dobbiamo la nostra più intima essenza alle nostre grandi origini. Nell’anno del 150ennalle dell’Unità di Italia non possiamo non gridare il dolore di una Nazione che è ferita nella sua parte più sana e più alta», così l’assessore alla Cultura ed agli Scavi di Abellinum Nancy Palladino chiama a raccolta non solo gli atripaldesi, ma tutti gli irpini, e soprattutto attori, artisti, scrittori, associazioni di categoria, sindacati, imprenditori, e tutti i gli esponenti della società civile per condividere idee e moltiplicare le adesioni per la grande protesta da mettere in atto contro la scellerata decisione del Tar di Salerno che ha riassegnato il terreno degli scavi dell’antica Abellinum alla famiglia Dello Iacono. I proprietari del terreno espropriati negli anni 70, dopo un risarcimento di quasi 17 milioni di euro per un fondo di 24 mila metri quadrati, oggi sono tornati in possesso di quel terreno, che però racchiude al suo interno gli scavi di una piccola Pompei. Una vibrante protesta anche contro l’incongruo gesto del commissario ad acta che, senza tener conto delle esigenze e delle richieste della Sovrintendenza, ha apposto i sigilli all’area degli scavi. Questo senza dare il tempo di fare un inventario accurato dei beni, determinando una situazione di grave pericolo per l’intero impianto della Civita. Per questo motivo l’assessore Nancy Palladino terrà un incontro pubblico nella sala consiliare del Comune di Atripalda martedì 24 maggio alle 19 per organizzare il corteo funebre per la morte della cultura e determinare strategie comuni per sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni e restituire alla collettività gli scavi di Abellinum. Nel corso dell’incontro di martedì verrà anche avviata la raccolta di adesioni al “Manifesto per la Civita, la cultura è di tutti“.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *