alpadesa
  
Flash news:   Alvanite Quartiere Laboratorio, incaricata azienda di Ferrara di adeguare il progetto alla variata normativa energetica Foglio di via per due trentenni romeni sorpresi di sera a bordo di una grossa Bmw Al via il secondo lotto di lavori per la riqualificazione di Parco delle Acacie ad Atripalda Nuovi scarichi abusivi nel fiume Sabato nel tratto che attraversa Atripalda, la denuncia di Franco Mazza: “non bisogna abbassare l’attenzione sulle condizioni del corso d’acqua”. Foto Us Avellino, l’amministratore Nicola Circelli: “effettuati i pagamenti necessari per evitare sanzioni e penalizzazioni” Grande partecipazione al “Premio San Valentino–Città di Atripalda”. Foto Istituto Comprensivo di Atripalda, fa discutere la circolare della preside Amalia Carbone che vieta i vestiti di Carnevale all’Infanzia. I genitori si dividono sui social “Ci vuole un fiore”, incontro al Convento di San Giovanni Battista domenica su ecologia e benessere “Laganum in Arce” a Manocalzati nel castello di San Barbato Calcio, l’Abellinum vince ancora

Aci, bilancio positivo per il presidente atripaldese Stefano Lombardi

Pubblicato in data: 26/5/2011 alle ore:14:03 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

presidente-aci-avellino-stefano-lombardiSenz’altro un bilancio positivo quello dell’Automobile Club di Avellino negli ultimi quattro anni di attività.
A tracciarlo in maniera dettagliata è stato il presidente uscente, l’avvocato atripaldese Stefano Lombardi (foto), apparso visibilmente soddisfatto e fiducioso per il futuro in una conferenza stampa tenutasi ieri presso la sala Lilla dell’Hotel de la Ville di Avellino.
Nuovamente candidato per le prossime elezioni del consiglio direttivo 2011-2015, Lombardi ha riassunto con dovizia di particolari i principali risultati raggiunti dall’Aci nell’ultimo quadriennio. «Si tratta di risultati grandemente significativi ottenuti grazie al lavoro congiunto e coordinato dell’intero team del consiglio direttivo – afferma Lombardi – che ha permesso di dimezzare il debito finanziario ereditato dalla precedente gestione, che in malo modo ha amministrato per vent’anni. È importante sottolineare – continua il presidente uscente – come negli ultimi quattro anni sia in costante crescita il numero degli iscritti: nel solo primo quadrimestre di quest’anno abbiamo registrato un aumento delle tessere pari al 39% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente».
Il bus blu per la sensibilizzazione alla guida sicura, l’istituzione dell’ufficio mobile contro le droghe e l’alcool, i corsi per l’insegnamento di guida sicura, il raduno Ferrari e il terzo convegno «Guida sicura» sono solo alcune delle tante iniziative promosse in questi ultimi anni dall’Ufficio Provinciale dell’Automibil Club Avellino. Tra le attività di prossima realizzazione meritano una speciale menzione l’attivazione, a partire dal prossimo primo giugno, dello «Sportello Informativo per il Sociale», un servizio gratuito per le fasce deboli della popolazione (anziani, extracomunitari e persone con disabilità) dove sarà possibile ricevere informazioni sui servizi per la mobilità, e l’iniziativa «TrasportACI Sicuri», una serie di corsi rivolti agli adulti sul trasporto sicuro dei bambini in automobile. «L’ACI – sostiene Lombardi – è un ente pubblico che da sempre tutela gli automobilisti in maniera disinteressata. La politica non ha mai varcato i confini della gestione dell’Automobile Club di Avellino. L’auspicio – conclude Lombardi – è che ciò continui a non accadere nel prossimo futuro, e che si vada avanti sulla strada di una gestione proficua e trasparente, ma soprattutto affrancata da qualsivoglia colore politico».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *