alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, un caso a San Potito: 4 in Irpinia. I contagiati salgono a 536 Coronavirus, la Regione rinnova l’invito: “No assembramenti, il virus è ancora presente” Coronavirus, 92 le vittime registrate in un giorno e solo 300 nuovi positivi Flash mob dei piccoli imprenditori e Amministrazione in piazza Umberto per rilanciare il commercio ad Atripalda. Il sindaco: “attività di promozione del nostro territorio”. Foto Riparte il “Farmer Market” ad Atripalda: ieri mattina primo appuntamento dopo mesi di stop. L’assessore Musto: “mercatino in sicurezza”. Foto Coronavirus, sono due i contagiati in Irpinia: sono di Ariano. I contagiati salgono a 532 Coronavirus, forte calo delle vittime registrate nelle 24 ore: 50 in tutto Giovani e Movida, l’appello del governatore De Luca: “Bisogna abituarsi all’idea che nulla tornerà come prima” Stamattina torna il “Farmer Market” e nel pomeriggio flash mob di commercianti e amministrazione in piazza Umberto per rilanciare il settore ad Atripalda Coronavirus, scende il numero di positivi in Campania: solo 5 oggi. Nessun contagio in Irpinia

Stipulano contratto Enel con una defunta: denunciati dai Carabinieri di Atripalda

Pubblicato in data: 2/6/2011 alle ore:11:19 • Categoria: Cronaca

carabinieriNella giornata di ieri, i carabinieri della Stazione di Atripalda hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avellino due uomini, rispettivamente classe 1978 e 1974, residenti l’uno ad Atripalda e l’altro ad Aiello del Sabato, entrambi dipendenti di un’azienda d’intermediazione e fornitura di servizi, ritenuti responsabili in concorso tra loro dei reati di truffa e di sostituzione di persona. L’indagine che ha portato i carabinieri della Stazione di Atripalda a denunciare i due uomini trae in realtà le mosse dalla denuncia sporta qualche tempo fa da un uomo di Atripalda, che si è visto recapitare presso la propria abitazione una bolletta dell’energia elettrica della quale non solo non sapeva assolutamente nulla, ma addirittura intestata alla ormai deceduta madre, che avrebbe quindi sottoscritto un atto dopo la morte. Avviata quindi l’attività d’indagine, i carabinieri sono riusciti ad accertare che l’uomo di Atripalda era stato truffato da quei promotori che, in nome e per conto della defunta madre, avevano falsamente stipulato quel contratti per la fornitura dell’energia elettrica, così da potersi intascare, in maniera assolutamente fraudolenta, le relative provvigioni. Tra l’altro, i due truffatori erano già pregiudicati, essendo stati denunciati appena qualche giorno fa’ per gli stessi medesimi reati, in quanto avevano falsamente sottoscritto un altro contratto di fornitura dell’energia in nome e per conto di un altro ignaro cittadino di Atriaplda.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Chiusura Stadio Valleverde, Moschella (Pdl): “Triste epilogo di una gestione amministrativa che mortifica lo sport atripaldese”

Venerdì il primo cittadino Paolo Spagnuolo con un'ordinanza ha disposto la chiusura dello stadio Valleverde, a causa delle condizioni di Read more

Sosta selvaggia in città, la nuova denuncia del consigliere del Pdl Vincenzo Moschella

Atripalda in tema di viabilità e traffico certamente non brilla, non a caso già dalle prime ore del mattino la Read more

Degrado impianti sportivi atripaldesi, la denuncia del consigliere comunale Vincenzo Moschella. Fotoservizio

Quello che doveva essere il simbolo di una lunga tradizione sportiva calcistica, si presenta oggi ai cittadini atripaldesi in uno Read more

Il capogruppo La Sala denuncia: pavimento sconnesso e rifiuti in vico Carlo a due passi dalla Chiesa madre

«Qualche pezza (a colore) di catrame qua e là ha, per ora, immobilizzato la sconnessa pavimentazione di parte di vico Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *