alpadesa
  
Flash news:   Vandali di nuovo in azione nel centro storico, imbrattata Piazzetta degli Artisti ad Atripalda: lo sdegno sui social. Foto Coronavirus, contagio ancora in crescita: 39 i positivi in Irpinia su 760 tamponi effettuati Finisce in pareggio il derby campano tra Avellino e Juve Stabia La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva il Bilancio di previsione 2020-2022: ok al piano per ridurre i debiti Emergenza Coronavirus, da domani stop all’accesso dei visitatori alla Città ospedaliera e al plesso “Landolfi” Coronavirus, da venerdì scatta il coprifuoco alle 23. Lunedì riaprono le elementari Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda dei 28 casi irpini Alfredo Cucciniello è il nuovo presidente provinciale delle Acli di Avellino Contrada Giacchi, il gruppo consiliare Noi Atripalda denuncia lo stato disastroso delle strade e la presenza di una discarica. Foto Coronavirus, il sindaco:”dallo screening fatto agli alunni della Masi altri due contagiati”

Lupi pronti per Trapani, Totò Vullo: “In campo forza e tecnica di una categoria superiore”

Pubblicato in data: 7/6/2011 alle ore:10:11 • Categoria: Avellino Calcio

salvatore vulloIl tecnico dell’Avellino Totò Vullo analizza in sala stampa la vittoria al Partenio contro il Trapani, gara di andata della finale dei play-off.: “Sono stracontento per la vittora, amareggiato solo per qualche disattenzione soprattutto con palla ferma in mezzo al campo. Nel complesso la squadra si è battuta molto bene, ricordiamoci che il Trapani è una squadra coriacea, forte d’esperienza. Avremo sottoscritto tutti anche l’uno a zero. Bisognava vincere e così è stato. L’importante che la squadra ha avuto una reazione veemente sull’uno a uno scaturito dal calcio di rigore a causa di una nostra disattenzione. Abbiamo cambiato i temi della partita inserendo Peluso che ha messo in difficoltà la squadra avversaria sull’esterno. Se togliamo il tiro al 90′ del Trapani, Cascella non è stato mai chiamato in causa. Inoltre abbiamo creato molte occasioni da gioco importantissime. Ora ci prepariamo per giocare il ritorno a Trapani. Se devo dare un voto da uno a dieci Millesi si merita venti, ma il merito va anche a tutta la squadra che lo sostiene. Non ho visto una brutta prestazione di Nocerino e Comini. Per me Nocerino è stato eccellente. Anche Comini ha messo paura al Trapani. L’ho riproposto nel secondo tempo per dimostrare agli avversari che continuavamo a giocare in un certo modo. Il calcio di rigore ci ha fatto cambiare atteggiamento. Ho voluto tenere Vicentin fino all’ultimo perché anche quando è stanco è sempre pronto a scattare per riconquistare la palla“.
Con questa vittoria l’Avellino ha recuperato l’handicap in classifica: “Noi eravamo in svantaggio in classifica, con la vittoria di oggi siamo noi in vantaggio. Ora dobbiamo vedere come si comporterà in casa il Trapani, noi abbiamo ancora tanto da lavorare per migliorare. Ad esempio, un calciatore come Bruno ha commesso un solo errore che al 92′ ci poteva costare caro. Pecchiamo su palle ferme. Quando c’è una punizione ferma a metà campo ci distraiamo”. Allo stadio provinciale di Trapani l’Avellino dovrà fare a meno di una delle pedine più importanti e più in forma della rosa: “De Angelis non giocherà domenica perché squalificato. Oggi lo considero l’ultimo degli attaccanti. Per me è penalizzato l’Avellino con l’assenza di De Angelis per le caratteristiche che ha e per come gioca, ma anche per il Trapani è la stessa cosa perché in questo campionato un giocatore come Filippi non l’ho visto. La partita è stata entusiasmante e la gente sugli spalti si è divertita, c’è stata forza fisica e qualità in campo di categoria superiore“.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *