alpadesa
  
domenica 25 ottobre 2020
Flash news:   Coronavirus, Conte firma il nuovo Dpcm: da lunedì 26 ottobre bar e ristoranti chiusi dalle 18 ma aperti domenica e festivi Coronavirus, cresce la paura ad Atripalda per i nuovi casi: parla il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “contagio alunni non c’è motivo di allarme” L’ex consigliere di Atripalda Ulderico Pacia assolto dall’accusa di diffamazione: a denunciarlo l’ex comandante della Polizia municipale Vincenzo Salsano Spaccio di marijuana: salta il confronto in Tribunale tra due imputati atripaldesi e testimoni per difetto di notifica Incidente sulla Variante ad Atripalda tra due auto e un camion: due feriti trasportati al Moscati. Foto Coronavirus, i contagi in Irpinia crescono di 91: si registra un altro caso ad Atripalda Coronavirus, il governatore De Luca: “indispensabile decidere subito il Lockdown” Le aule dell’ex liceo scientifico di via Appia da dicembre utilizzate per la didattica dell’Istituto Comprensivo di Atripalda L’Avellino corsara a Foggia vince 1-2 Sono 16.079 i nuovi contagi in Italia. Ad Atripalda i casi totali finora sono 16

Referendum, l’impegno dei Giovani Democratici del circolo di Atripalda

Pubblicato in data: 9/6/2011 alle ore:19:00 • Categoria: Partito Democratico, Politica

logo-giovani-democratici1I Giovani Democratici del circolo di Atripalda esortano l’intera comunità atripaldese a partecipare ai referendum del 12 e 13 Giugno. Quattro SI ai quattro quesiti: per dire NO alla privatizzazione dei servizi idrici; per dire NO all’intenzione di trasformare un bene essenziale ed inalienabile come l’acqua in un prodotto di mercato; per dire NO a vecchie e nuove centrali nucleari in Italia, Campania o in Irpinia; per dire NO ad una giustizia che non sia uguale per ognuno.
Il 12 e 13 Giugno noi voteremo SI ai quesiti 1 e 2 perché crediamo che l’acqua sia un bene dell’umanità da tutelare e razionare; perché la privatizzazione è un affare per pochi e non risolve i problemi di manutenzione; perché laddove si è privatizzato il servizio idrico, le tariffe sono aumentate in modo inversamente proporzionale alla qualità del servizio erogato; perché le multinazionali non investono nelle piccole realtà, avendo come obiettivo il mero profitto; perché la rendita in borsa del petrolio è del 29% mentre quella dell’acqua è del 35%.
Il 12 e 13 Giugno noi voteremo Si al quesito 3 perché riteniamo che l’attuale tecnologia nucleare non garantisca alcun margine di sicurezza, in particolare su di un territorio a rischio sismico come è l’Italia; perché proprio l’Italia è ricca di fonti energetiche rinnovabili e riteniamo sia un errore non investire su di esse, come stanno facendo invece altri paesi europei (la Germania entro il 2020 dismetterà ogni centrale nucleare ancora attiva); perché le scorie radioattive sono letali e la questione rifiuti nucleari presenta ancora molte zone d’ombra; perché gli agenti radioattivi provocano tumori, leucemie e malformazioni genetiche.
Il 12 e 13 Giugno noi voteremo Si al quesito 4 perché ci hanno insegnato che la Legge è uguale per tutti; perché chi è chiamato a governare il Paese deve agire con responsabilità e trasparenza e per l’interesse dell’intera nazione e non del singolo.
Tutti questi motivi ci hanno spinto a credere fortemente in questa battaglia di libertà e di civiltà per il bene del nostro paese.
Abbiamo deciso, inoltre, di attivare un servizio nell’interesse della nostra comunità, mettendo a vostra disposizione un numero al quale chiamare nell’eventualità siate impossibilitati a recarvi autonomamente al seggio, ci faremo carico noi del trasporto e di ogni altra esigenza.
Il nostro numero è: 388/3290417
Votare è un diritto di ogni singolo cittadino, non lasciamo che gli altri decidano per noi.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *