alpadesa
  
Flash news:   Domenico Airoma a capo della procura della Repubblica di Avellino Riapertura scuole in Campania, il Tar ordina: Primaria in classe da domani Stufa a Gpl prende fuoco ad Atripalda, i Vigili del fuoco evitano il peggio Vallone Testa e Fosso Orto di Preti, la Giunta Spagnuolo fissa gli impegni di spesa per i due progetti di riqualificazione e risanamento idrogeologico ad Atripalda Coronavirus, un nuovo contagiato ad Atripalda Biblioteca comunale ancora chiusa, “Idea Atripalda” incalza l’Amministrazione Spagnuolo Caccia ai contribuenti morosi di Imu, Tari e altre tasse comunali ad Atripalda Manutenzione stradale e parcheggio via Gramsci, sbloccati i fondi dalla Giunta Spagnuolo Arriva la proroga ad Atripalda per la presentazione della domanda per l’accesso ai voucher alimentari Sorveglianza rafforzata: il prefetto Spena blinda Atripalda e Solofra dopo gli attentati intimidatori con le bombe carta

Calcio, Il Città di Atripalda presenta richiesta di ripescaggio in Eccellenza

Pubblicato in data: 16/6/2011 alle ore:12:34 • Categoria: Calcio, Sport

calcioValzer dei ripescaggi. Quelli che potrebbero rimettere in gioco ambizioni e velleità di tante squadra irpine impegnate nei campionati di calcio minore. In Eccellenza, con l’inizio del prossimo campionato, nonostante il campo abbia decretato, per la nostra provincia, un’unica superstite – il Solfora -, c’è la possibilità di vedere schierate ai nastri di partenza altre tre irpine. Il retrocesso Serino è pronto a formulare domanda di ripescaggio nel massimo torneo regionale. Stesso discorso per l’Atripalda del già riconfermato mister Montanile e per l’Eclanese di patron Ettore Sirignano. Ad oggi, è ancora presto poter dire ed individuare con certezza i posti disponibili destinati a chi intende ritornare in Eccellenza per la porta secondaria. Ma già domenica pomeriggio, al termine delle gare di ritorno valevoli per gli spareggi promozione in serie D e nelle quali sono impegnate Sarnese da una parte ed Internapoli dall’altra, potrebbero liberarsi due caselle. Mentre una terza chance potrebbe essere concessa dal Sant’Antonio Abate che, retrocesso dalla quarta serie, è pronto a ritornare dov’era. Senza dimenticare che eventuali fallimenti di società nei campionati professionistici potrebbero determinare, a cascata, condizioni favorevoli per chi ambisce a partecipare ai campionati minori. In questo contesto – restando nel campo delle ipotesi – le tre irpine in procinto di risalire la china dovranno spareggiare contro le altre potenziali candidate al salto di categoria. La posizione dell’Eclanese vanta un punteggio assai elevato. Molteplici i parametri a suo favore. Vincitrice della Coppa disciplina (quarta lo scorso anno), l’Eclanese vanta crediti anche per il buon settore giovanile (vinti due campionati allievi, uno Juniores e sabato c’è in palio il terzo campionato allievi). In Promozione si parte da una certezza. Per ora i posti lasciati vacanti sono 4. Opportunità favorevole al Baiano ed al Lioni (entrambe in Prima categoria) di puntare al salto di categoria. E proprio la società dello Sporting Lioni del presidente Sergio Pisapia, dopo aver dimostrato nel corso dell’ultimo torneo di Prima categoria grande capacità organizzativa e tecnica, grazie anche al contributo di Carmine Ruotolo, è pronta al grande salto. L’accesso in Promozione passa o attraverso l’acquisizione del titolo della Mas Avellino – ammesso che il presidente Procaccino sia davvero intenzionato a mollare – o attraverso la domanda di ripescaggio. Condizione quest’ultima per la quale il Lioni potrebbe essere ostacolato dalla migliore posizione del Montesarchio. Ma, ad onor del vero, restando nel campo delle ipotesi c’è da dire che se in Eccellenza si libereranno tre posti, in Promozioni ai 4 già disponibili se ne ptrebbero aggiungerebbe, appunto, altri tre. Certo è che nonostante la retrocessione della Bisaccese il prossimo campionato sarà ben rappresentato dalle irpine. Ecco in corsa il neopromosso Real Forino. E poi riconferme per il San Martino Valle Caudina, Venticano, Rione Mazzini, Ariano Irpino e Montella. Società, quest’ultima, che ha già scelto il proprio trainer: si riparte da Oliva, l’artefice della salvezza ottenuta lo scorso aprile.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *