alpadesa
  
Flash news:   Vandali di nuovo in azione nel centro storico, imbrattata Piazzetta degli Artisti ad Atripalda: lo sdegno sui social. Foto Coronavirus, contagio ancora in crescita: 39 i positivi in Irpinia su 760 tamponi effettuati Finisce in pareggio il derby campano tra Avellino e Juve Stabia La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva il Bilancio di previsione 2020-2022: ok al piano per ridurre i debiti Emergenza Coronavirus, da domani stop all’accesso dei visitatori alla Città ospedaliera e al plesso “Landolfi” Coronavirus, da venerdì scatta il coprifuoco alle 23. Lunedì riaprono le elementari Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda dei 28 casi irpini Alfredo Cucciniello è il nuovo presidente provinciale delle Acli di Avellino Contrada Giacchi, il gruppo consiliare Noi Atripalda denuncia lo stato disastroso delle strade e la presenza di una discarica. Foto Coronavirus, il sindaco:”dallo screening fatto agli alunni della Masi altri due contagiati”

Telemedicina, l’atripaldese Massimo Losco al convegno di Verona

Pubblicato in data: 27/6/2011 alle ore:15:20 • Categoria: Attualità

tecnosalute-largeAncora una volta le competenze avanzate in settori innovativi come quello della Telemedicina arrivano dall’Irpinia. Questa volta l’evento in questione è il convegno medico “AL CUOR NON SI COMANDA…E IL RISCHIO?” che si svolto a Verona il 23-24 giugno. L’ evento accreditato presso il Ministero della Salute per l’attribuzione dei crediti formativi sulle seguenti discipline: Cardiologia, Geriatria, Malattie Metaboliche e Diabetologia, Medicina Interna rivolto esclusivamente a medici chirurghi.
L’unico relatore del sud Italia a partecipare al convegno è il dott. Massimo Losco atripaldese doc e analista funzionale dei due progetti di telemedicina, IN.C.AN.TO. ed un secondo sistema MYLIFE; il dott. Losco è cofondatore di CONSULENZESOFTWARE.IT che raggruppa diversi professionisti dell’ I.C.T.(Information & Communication Technology) che si occupano di tecnologie del software per le PMI ed enti pubblici. In questo caso la collaborazione è con l’ Università degli Studi di Roma “La Sapienza” per la quale hanno realizzato uno dei progetti di telemedicina sopra citati e per i quali sono consulenti tecnologici della stessa Università.
Durante il suo intervento ha illustrato in modo dettagliato le potenzialità dei due sistemi eseguendo anche alcune prove pratiche. Il progetto IN.C.AN.TO. (Ipertensione Arteriosa Complicata nell’anziano ottimizzata a domicilio attraverso il Telemonitoraggio), rivolto ad anziani affetti da ipertensione arteriosa complicata da insufficienza cardiaca, è finalizzato ad un significativo miglioramento dell’assistenza socio-sanitaria per coloro che vivono soli e hanno difficoltà negli spostamenti territoriali, infatti permette di monitorare i pazienti tramite l’utilizzo di un semplice telefonino cellulare ed uno sfigmomanometro bluetooth. Il progetto di telerefertazione MYLIFE, invece, permette la rilevazione, la trasmissione, la gestione, condivisione e telerefertazione di esami clinici e parametri vitali, attualmente questo sistema è utilizzato da circa 70 farmacie sparse sul territorio nazionale, prossimamente il servizio sarà attivato anche in provincia di Avellino. Il progetto di telerefertazione MYLIFE si pone anche come soluzione efficace per ridurre in modo sostanziale i costi della sanità pubblica relativamente agli esami medici come elettrocardiogrammi, spirometrie, pulsossimetrie, holter pressori, holter ECG ecc. “È risaputo, – afferma Massimo Loscoche una serie di accertamenti di area cardio-pneumologica, l’elettrocardiogramma, la spirometria e la misurazione della saturazione dell’ossigeno a livello periferico sono al centro del percorso diagnostico di una serie di patologie croniche fra le più frequenti nei pazienti anziani e nei non anziani, in quelli che hanno sopportato eventi acuti ed il cui recupero non ha portato alla guarigione, fra questi i malati di cardiopatia ischemica, di insufficienza cardiaca e di broncopatia cronica ostruttiva. A questo bisogna aggiungere che questi stessi esami sono tra i più richiesti anche per discriminare sintomi comuni quali il dolore toracico, la dispnea, il cardiopalmo che, poiché per lo più risultano normali nei risultati, intasano i poliambulatori allungando le liste d’attesa. I pazienti che beneficeranno maggiormente di quest’innovazione tecnologica sono nella maggioranza dei casi i pazienti sofferenti di patologie croniche, come gli anziani che patiscono più degli altri la distanza dei centri diagnostici e delle difficoltà del trasporto avendone un sicuro beneficio dalla domiciliazione anche degli accertamenti clinici“.
Il progetto di telerefertazione MYLIFE è stato anche esportato presso l’ASP (Azienda Sanitaria Provinciale) di Crotone, che nella persona del commissario straordinario prof. Rocco Nostro, ha fatto richiesta delle conoscenze e competenze provenienti dall’Irpinia per superare le difficoltà attuali della sanità calabrese, dovute all’eccessivo disavanzo che hanno portato al commissariamento, e per introdurre innovazione nel settore; leggi l’articolo della Gazzetta del Sud “Tante soluzioni con la telemedicina“.
L’auspicio di consulenzesoftware.it è che l’innovazione tecnologica possa sempre più trasformarsi in benefici per le persone e per le aziende e concorrere al miglioramento della qualità della vita, con questi progetti riducendo i costi delle sanità pubblica, massimizzando la prevenzione e lo screening sul territorio nazionale

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *