alpadesa
  
sabato 17 agosto 2019
Flash news:   Tentata estorsione aggravata, i Carabinieri arrestano una 28enne atripaldese Atripalda Volley, ecco altri due tasselli: Roberto e Fabio Luciano vestono biancoverde “Giullarte” torna nella sua collocazione temporale originaria, Gambale: “a giugno una straordinaria edizione per il ventennale” Maria Morgante riconfermata all’Asl Avellino e al Moscati arriva Renato Pizzuti Al via l’ampliamento della strada comunale Atripalda–Sorbo Serpico e altri interventi dal centro alla periferia. FOTO Atripalda Volley, tris di giovani per mister Racaniello: Ammirati, Riccio e De Rosa vestono biancoverde Scandone, il grido d’amore degli Original Fans: “Finché il cuore batte qui si combatte“ Gli amici di via Gramsci si ritrovano a cena dopo tanti anni. Foto Venerdì presentazione di “Variazione Madre” libro di poesie di Federico Preziosi Nozze d’oro Nappa-Santella, auguri

Ciclismo, successo in città per il Primo trofeo “Irpinia Bike”

Pubblicato in data: 12/7/2011 alle ore:11:46 • Categoria: Sport, CiclismoStampa Articolo

irpinia-bike-teamSi è svolto domenica pomeriggio 10 luglio il Primo Trofeo Irpinia Bike organizzato dalla società del presidente Raffaele Di Gisi e valido come prova del 1° Giro delle Terre Sannitiche.
Un parterre de roi di primordine per questa prima manifestazione, che ha visto alla partenza i più forti ciclisti campani, tra cui il campione Italiano Paolo Di Leonardo. Benché ci fosse un caldo a dir poco torrido, partenza a tutta fin dai primi chilometri con diversi tentativi di fuga annullati a turno dalle squadre che potevano contare un nutrito numero di ciclisti quali Irpinia Bike, Nughes, Team Calcagni-Cavaliere (che al mattino in quel di Castel di Sangro aveva vinto la medio fondo con Antonio Marzano e aveva piazzato nei primi sei anche Antonio Marotti, Carmine Galletta e il campione italiano Paolo Di Leonardo) e dalla Rummo-Letizia (che al sabato aveva dominato a Santa Maria Capua Vetere con Antonio Valletta, Antonio Corbisiero e Francesco Chiacchio ai primi tre posti della classifica) . Il ciclista più attivo è stato l’alfiere della G.s. Amoruso Pasquale Galletta che ha provato prima l’assolo solitario, poi una fuga a due con l’atleta dell’ Irpinia Bike Pietro Cardinale. Dopo questi tentativi, entrambi annullati, ha portato via una fuga di dieci corridori che è riuscito a regolare con una volata di potenza facendo suo questo Primo Trofeo Irpinia Bike. Per il team del presidente Di Gisi buona prova dei suoi atleti che non sono riusciti a piazzarsi nei primi dieci assoluti, ma hanno colto piazzamenti importanti nelle loro categorie restando nei primi tre. Oltre all’ottima riuscita della manifestazione c’è anche un’altra nota positiva per il sodalizio del presidente Di Gisi, è arriva dalla Maratona delle Dolomiti, gara durissima per i vari Passi Alpini da scalare e il chilometraggio, dove erano presenti Antonio Gambone e Gianluca Spidalieri insieme ad altri cinquemila ciclisti provenienti da tutto il mondo. Il primo degli atleti verde-arancio è stato Antonio Gambone che con una prova a dir poco maiuscola si piazza ottantasettesimo assoluto e undicesimo di categoria, più indietro ma comunque piazzato molto bene Gianluca Spidalieri alla sua ennesima partecipazione alla Maratona delle Dolomiti. La società ringrazia per l’ottima riuscita della manifestazione: Amministrazione Comunale, Vigili Urbani, Carabinieri, Misericordia, Protezione Civile, Udace Avellino, Us Acli Ciclismo Campania, il pubblico presente e naturalmente tutti i ciclisti presenti che hanno offerto davvero un bellissimo spettacolo di sport e di aggregazione.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *