alpadesa
  
Flash news:   Scacco al clan “Partenio 2.0”: 23 arresti nell’operazione della D.D.A. della Procura della Repubblica di Napoli contro i clan camorristici Vincenzo Aquino eletto nuovo coordinatore delle Misericordie della provincia di Avellino Atti vandalici ai danni dell’ex scuola Primaria “Mazzetti” di via Manfredi Addio alla blogger, giornalista e insegnante Tina Galante Messa in suffragio del priore Giovanni Iannaccone questo pomeriggio nella chiesa di San Nicola da Tolentino Emergenza climatica, assemblea pubblica ieri sera nell’ex sala consiliare: il Comune pronto ad accogliere la richiesta di Idea Atripalda. Foto Conclusi i lavori di rifacimento del manto stradale in via Manfredi e via Tufarole. I cittadini chiedono la sistemazione dei marciapiedi. FOTO Riammesse al gratuito patrocinio dopo quattro sentenze di proscioglimento emesse da quattro Gup diversi Inaugurata la statua di Padre Pio a via Marino Caracciolo. Foto «Cimarosa Young Sinfonietta», sabato 12 ottobre nella Chiesa di Sant’Ippolisto Martire

“…giù le mani dall’IrisBus!!!”, nota di Salvatore Antonacci (Pd)

Pubblicato in data: 12/7/2011 alle ore:09:58 • Categoria: Politica, Partito DemocraticoStampa Articolo

iribus3La notizia della chiusura della Iris Bus di Flumeri si è abbattuta come un fulmine a ciel sereno in una provincia già pesantemente segnata dalla crisi e che vede oramai la completa dismissione del comparto automotive.
Il disegno di smantellare tutte le realtà dell’automotive del Sud Italia da parte della Fiat diventano forma e sostanza partendo dalla vicenda di Termine Imerese per arrivare a Pomigliano d’Arco, alla FMA ed ora alla Iris Bus.
Una vera e propria opera di “demolizione” non solo industriale ma anche e soprattutto sociale, aggravando ancora di più la crisi economica che giorno dopo giorno diventa sempre di più padrona delle nostre vite.
La chiusura dell’Irisbus è l’ennesima ferita mortale che viene inferta alla nostra provincia e all’intero meridione d’Italia dove la popolazione oramai subisce ininterrottamente gli effetti di “un patto politico, sociale e culturale” che nega un ruolo alle popolazioni del Sud Italia nell’economia e nella società.
Un patto non scritto che ha sequestrato il futuro del Sud e dunque dell’intero Paese dove agitando lo spettro della crisi la Fiat ed il governo nazionale giustificano scelte scellerate dimostrando la loro totale incapacità di governo e di gestione di una fase così delicata come quella economica, finanziaria e sociale che l’intera nazione sta attraversando.
Da anni lo stabilimento di Flumeri è attraversato da una crisi profonda, alla quale le istituzioni, governo nazionale e Regione, non hanno voluto dare risposte.
TERRITORI E NUOVE GENERAZIONI sarà sempre al fianco dei lavoratori SEMPRE, COMUNQUE ed OVUNQUE e appoggerà tutte le iniziative necessarie sul territorio, negli stabilimenti interessati, per sostenere le lotte unitarie del sindacato contro il declino industriale e la perdita di posti di lavoro.

COORDINAMENTO
TERRITORI E NUOVE GENERAZIONI

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *