alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, i nuovi casi in Italia sono 21.994 con i morti che salgono a 221. In Campania nuovo record Coronavirus, un nuovo caso ad Atripalda e 93 in Irpinia Cinque offerte per la gestione del Farmer Market di Atripalda: l’assessore Musto: “c’è forte interesse” Padre Gerardo Di Paolo è il nuovo Direttore della Biblioteca Statale di Montevergine Coronavirus, altri due contagi ad Atripalda e 69 in Irpinia Coronavirus, Idea Atripalda scrive al sindaco per chiedere un punto drive test per effettuare i tamponi naso-faringei L’Avellino travolge la Casertana: 3-1 il finale Si chiude la controversia giudiziaria tra il Comune di Atripalda e la Ingino Spa dopo che il Tar di Salerno dà ragione all’azienda agroalimentare Coronavirus, i nuovi casi in Italia sono 21.273. In Campania nuovo record Coronavirus, aumentano i contagi in Irpinia: 91 i nuovi casi. Ad Atripalda 3 i positivi

Vertenza Irisbus, scontri a Roma. Antonacci (Pd): Gli operai non si toccano

Pubblicato in data: 21/9/2011 alle ore:18:41 • Categoria: Attualità, Partito Democratico, Politica

irisbus6“La vile aggressione subita dai lavoratori della Irisbus a Roma mentre pacificamente protestavano per il diritto al lavoro e alla loro dignità ci consegna in maniera drammatica la fotografia dell’opera di “demolizione” non solo industriale ma anche e soprattutto sociale che si sta consumando in Italia ed in Irpinia”. Sono le parole di Salvatore Antonacci di “Territori e Nuove Generazioni”, PD che commentano i “fatti” di Roma.
“Uno Stato che diventa “patrigno”, un governo incapace di reagire e di mettere sul campo iniziative serie a favore di centinaia di lavoratori, trattati come “bestie”, costipati contro i muri e manganellati e bastonati come “animali da soma”.
La crisi economica oramai è diventata padrona delle nostre vite e drammaticamente gli italiani, senza differenza, nord, sud centro, bianchi, rossi, neri, diventano un numero, “una valutazione economica” da declassamento del rating!!!
L’assenza e l’incapacità della politica di delineare una via di uscita dalla crisi fanno da cornice ad un quadro che oramai è dipinto solo a tinte fosche.
La chiusura dell’Irisbus è l’ennesima ferita mortale che viene inferta alla nostra provincia e all’intero meridione d’Italia dove la popolazione oramai subisce ininterrottamente gli effetti di “un patto politico, sociale e culturale” che nega un ruolo alle popolazioni del Sud Italia nell’economia e nella società.  Un patto non scritto che ha sequestrato il futuro del Sud e dunque dell’intero Paese dove agitando lo spettro della crisi la Fiat, le grandi aziende ed il governo nazionale giustificano scelte scellerate dimostrando la loro totale incapacità di governo e di gestione di una fase così delicata come quella economica, finanziaria e sociale che l’intera nazione sta attraversando. È arrivato il tempo della lotta vera, per cercare di salvare il futuro di tutti noi”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *