alpadesa
  
domenica 25 ottobre 2020
Flash news:   Coronavirus, Conte firma il nuovo Dpcm: da lunedì 26 ottobre bar e ristoranti chiusi dalle 18 ma aperti domenica e festivi Coronavirus, cresce la paura ad Atripalda per i nuovi casi: parla il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “contagio alunni non c’è motivo di allarme” L’ex consigliere di Atripalda Ulderico Pacia assolto dall’accusa di diffamazione: a denunciarlo l’ex comandante della Polizia municipale Vincenzo Salsano Spaccio di marijuana: salta il confronto in Tribunale tra due imputati atripaldesi e testimoni per difetto di notifica Incidente sulla Variante ad Atripalda tra due auto e un camion: due feriti trasportati al Moscati. Foto Coronavirus, i contagi in Irpinia crescono di 91: si registra un altro caso ad Atripalda Coronavirus, il governatore De Luca: “indispensabile decidere subito il Lockdown” Le aule dell’ex liceo scientifico di via Appia da dicembre utilizzate per la didattica dell’Istituto Comprensivo di Atripalda L’Avellino corsara a Foggia vince 1-2 Sono 16.079 i nuovi contagi in Italia. Ad Atripalda i casi totali finora sono 16

Almec, Sira Group ufficializza la volontà di rilevare l’azienda di Nusco

Pubblicato in data: 22/9/2011 alle ore:20:15 • Categoria: Attualità

almec-nuscoStamane c’è stato un incontro tra gli operai Almec, sindacati e sindaci dell’Alta Irpinia davanti allo stabilimento di Nusco. Da segnalare l’intervento di Valerio Gruppioni, presidente della Sira Group. Gruppioni ha ufficializzato la volontà del gruppo bolognese di rilevare l’azienda irpina, nella qual lavorano anche molti atripaldesi.

Ecco il reportage di Ottavio Picardi:

C’era un’aria nuova davanti i cancelli dell’Almec di Nusco.
Infatti, questa mattina, c’è stato il tanto atteso incontro prima nell’opificio e poi davanti ai cancelli, tra il Presidente della Sira Group Valerio Gruppioni, e l’amministratore della società Andrea Delucca, i rappresentanti sindacali unitari di Fiom, Fim e Uilm, le R.S.U di stabilimento, oltre ai sindaci di Bagnoli, Lioni, Montella, Nusco, Teora, Sant’Angelo dei Lombardi, Castelfranci, Torella, Montemarano e Villamaina.

Zaolino, della Fim Cisl, spiega: “Abbiamo vissuto una mattinata storica, dovuta e grazie alla velocità della procura e del Tribunale di Sant’Angelo siamo riusciti a riaprire la fabbrica dopo appena un mese dalla chiusura. Sono veramente contento di aver visto sul volto degli operai gratitudine e stima verso il sindacato. Stamattina dallo stabilimento sono usciti i primi pezzi – continua Zaolino – nessuno avrebbe potuto immaginare di dare un calcio alla vecchia dirigenza in così poco tempo“.

L’Almec è attualmente commissariata– ha spiegato il sindaco De Mitasotto la cura di Antonio Gisoldo, nominato dal giudice come custode giudiziario, è stata proprio su sua proposta che da ieri l’azienda risulta riaperta e si avvarrà della consulenza gratuita della Sira Group che nel frattempo si è impegnata per far ripartire la produzione”.

L’azienda bolognese, infatti, leader nella produzione di radiatori per il riscaldamento, elaborerà entro il 18 ottobre, data dell’udienza in Tribunale per la questione dello stabilimento di Nusco, un piano aziendale che verrà valutato dai sindacati e sottoposto all’attenzione delle Rsu.

Valerio Gruppioni, proprietario del Gruppo Sira, è intenzionato a rilevare l’azienda sita nel comune di Nusco non appena l’iter burocratico giudiziario lo consenta. Giunto a Nusco su suggerimento dell’esponente regionale dello scudocrociato Ciriaco De Mita, Gruppioni ha presenziato al simbolico taglio del nastro in qualità di consulente gratuito del custode giudiziario nominato dal tribunale.

Il presidente del Gruppo Sira, Valerio Gruppioni prende la parola ed esordisce così: “Son qui come consulenza gratuita del custode del tribunale. Ieri sono usciti 500 pezzi che ha caricato General Motors. Ad agosto ero in giro di perlustrazione. Insieme si porta avanti il lavoro, si lavora insieme. Ci saranno momenti di tensione e il confronto sarà sempre aperto, mai speculativo. Almec sarà un polo portante per la pressofusione nel Sud Italia. Ringrazio De Mita, che mi ha suggerito di venire qua, anche se siamo venuti spesso nell’avellinese. Noi veniamo in azienda due volte a settimana, la fabbrica deve essere pulita ed è  scontato che chi ci lavora deve essere retribuito”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *