alpadesa
  
Flash news:   Vandali di nuovo in azione nel centro storico, imbrattata Piazzetta degli Artisti ad Atripalda: lo sdegno sui social. Foto Coronavirus, contagio ancora in crescita: 39 i positivi in Irpinia su 760 tamponi effettuati Finisce in pareggio il derby campano tra Avellino e Juve Stabia La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva il Bilancio di previsione 2020-2022: ok al piano per ridurre i debiti Emergenza Coronavirus, da domani stop all’accesso dei visitatori alla Città ospedaliera e al plesso “Landolfi” Coronavirus, da venerdì scatta il coprifuoco alle 23. Lunedì riaprono le elementari Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda dei 28 casi irpini Alfredo Cucciniello è il nuovo presidente provinciale delle Acli di Avellino Contrada Giacchi, il gruppo consiliare Noi Atripalda denuncia lo stato disastroso delle strade e la presenza di una discarica. Foto Coronavirus, il sindaco:”dallo screening fatto agli alunni della Masi altri due contagiati”

Gli scavi di Abellinum riaprono per sessanta giorni dal 3 ottobre

Pubblicato in data: 26/9/2011 alle ore:14:39 • Categoria: Attualità, Comune, Cultura

antica-abellinum6Gli scavi dell’antica Abellinum di Atripalda riaprono per sessanta giorni. L’ordinanza di riapertura è stata firmata dalla dott.ssa Adele Campanelli Soprintendente per i Beni archeologici di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta e rappresenta una piccola vittoria nella lunga battaglia legale che vede contrapporti proprio la Soprintendenza e i proprietari del terreno della Civita, la famiglia Dello Iacono. L’ordinanza di apertura sarà eseguita il prossimo 3 ottobre e avrà la durata di due mesi, per consentire agli addetti e incaricati della Soprintendenza l’esecuzione di alcuni lavori di somma urgenza. L’ordinanza, infatti, ha lo scopo di permettere l’ultimazione dei lavori di copertura degli scavi, consistenti nella posa in opera delle superficie vetrate previste dal progetto e della pulizia e rimozione delle erbacce che attualmente deturpano i pavimenti a mosaico della domus romana e gli intonaci delle pareti. Insomma, un provvedimento di riapertura che tiene conto nelle sue premesse, della grande importanza archeologica dell’area, oggetto di studio della comunità scientifica e del suo utilizzo attivo da parte della cittadinanza di Atripalda. «Esprimo viva soddisfazione per questa ordinanza che ci consentirà di tutelare nel miglior modo possibile il nostro patrimonio storico e archeologico che, attualmente, è stato completamente abbandonato a causa di una discutibile ordinanza di chiusura del sito – ha detto il sindaco Aldo Laurenzano – quando le istituzioni lavorano in sinergia per la difesa del territorio i risultati alla fine arrivano e, per questo, ringrazio la Soprintendenza che finalmente ha accelerato il proprio passo, dimostrando impegno attivo e fattivo per la nostra Abellinum».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *