alpadesa
  
Flash news:   A Parco delle Acacie domenica convegno per dire “No” alla violenza sulle donne “World Philosofy Day 2019“, gli studenti del liceo “De Caprariis” di Atripalda a confronto con il vescovo Aiello. Foto Davide Rondoni stasera e domani ad Atripalda omaggia Giacomo Leopardi per i 200 anni de “L’Infinito” La Casertana piega l’Avellino: quarta sconfitta in campionato Sesta sconfitta per la Scandone: ko anche a Nardò (73-64) Maltempo, rimosse dai Vigili del Fuoco lamiere pericolanti dal tetto del campanile della chiesa di Santa Maria delle Grazie. Foto Natale 2019, aggiudicata la gara per le luminarie installate dal Comune ma i commercianti restano divisi. L’assessore Musto:«Uno sforzo non da poco per l’Amministrazione» Progetto “risanamento ambientale dei corpi iderici superficiali delle aree interne”, riunione all’Utc per gli interventi a contrada Fellitto e piazza Sparavigna Bando di vendita del Centro Servizi alle Pmi di Atripalda: lunedì la pubblicazione con prezzo a base d’asta di 2.715.000 euro. Gara il 20 dicembre Al via il cronoprogramma per l’accorpamento del mercato settimanale di Atripalda a parco delle Acacie: si assegnano le postazioni

Il Pd si impone il silenzio stampa ma nel direttivo cresce il malcontento verso il segretario Alvino. Guarda le Foto

Pubblicato in data: 1/10/2011 alle ore:10:32 • Categoria: Politica, Partito DemocraticoStampa Articolo

direttivo-pdCrisi al Comune, il Pd invita il sindaco a convocare una giunta per non perdere il finanziamento da 7 milioni di euro su contrada Alvanite. E’ questo l’esito del lungo e a tratti animato direttivo locale del Partito democratico nella sede di piazza Garibaldi, al termine del quale in un comunicato si legge che «in merito alle preoccupazioni espresse dal Sindaco riguardo alla possibilità che, a causa della crisi, si possa perdere il finanziamento di circa 7 milioni di euro per Alvanite, per solo senso di responsabilità nei confronti dei cittadini e per il futuro di Atripalda, invita il Sindaco a perfezionare gli atti e a convocare la Giunta per l’approvazione del progetto di riqualificazione di Contrada Alvanite, voluto, curato e seguito dagli assessori del Partito Democratico». Al di là di queste poche righe, nessun commento da parte dei presenti che si sono imposti il silenzio stampa. Il Pd attende la mossa del sindaco Laurenzano che però non appare intenzionato ad assumere iniziative prima del prossimo consiglio comunale del 12 ottobre, né a convocare una seduta straordinaria di giunta per l’approvazione del progetto di riqualificazione di contrada Alvanite, così come chiesto dal Pd.
direttivo-pd2Il progetto al centro delle preoccupazioni del primo cittadino è quello di housing sociale «Alvanite, Quartiere laboratorio» finanziato dalla Regione Campania ma che il protrarsi della crisi potrebbe far svanire. L’intervento punta infatti alla riqualificazione della contrada con la ristrutturazione di due edifici mediante abbattimento e ricostruzione. Prevista la realizzazione di una Piazza del Sole che utilizzerà sistemi innovativi che sfruttando l’energia solare con la tecnologia del “solar tree” farà di Alvanite un quartiere sostenibile e che si autosostiene dal punto di vista energetico. Quattro le linee guida: ristrutturazione urbana, nuove costruzioni per 76 nuovi alloggi, rivitalizzazione sociale e riqualificazione degli spazi esterni della contrada. Dei 76 nuovi alloggi: 48 verranno da due edifici da abbattere e ricostruire (C1 ed E) e 28 nuovi alloggi in un unico edificio. Il contributo richiesto dal Comune di Atripalda ammonta a 6milioni e 789mila euro e richiede anche un coinvolgimento dei privati. Il progetto è stato ammesso dalla Regione Campania alla terza ed ultima fase del programma di housing sociale. A seguire l’intervento proprio gli assessori del Pd Luigi Tuccia e Nancy Palladino, unitamente all’ex assessore Tony Troisi del Centrosinistra per Atripalda.
L’ultima fase è la procedura negoziata che prevede la convocazione di una Conferenza dei Servizi con Provincia e Comune al fine della determinazione dei contenuti progettuali. Ma l’azzeramento della giunta a Palazzo di città, a seguito delle dimissioni proprio di tutti gli assessori del Pd e di Sel, sta mettendo a serio rischio il proseguimento dell’iter nella sua fase più delicata in cui l’esecutivo municipale sarà chiamato a predisporre ed approvare una serie di atti. Da qui le preoccupazioni di Laurenzano raccolte dal Pd cittadino che ha invitato il sindaco a convocare una giunta straordinaria. Una nuova apertura del partito di Bersani che ora aspetta che sia il primo cittadino a prendere l’iniziativa e trovare una soluzione alla crisi prima del 12 ottobre, giorno in cui il consiglio comunale sarà chiamato ad approvare il Bilancio Consuntivo.
diretivo-pd3Ma nel Pd cittadino inizia a crescere anche il malessere per una contrapposizione personale che vede protagonisti il sindaco ed il segretario cittadino. Contrapposizione che si è trasformata in un attacco all’intero partito. Far cadere l’amministrazione a otto mesi è una responsabilità troppo grossa che molti nel Pd non condividono. Ne c’è approvazione per i toni accesi degli ultimi giorni del segretario in un momento così delicato dal quale dipende il futuro dell’amministrazione e dello stesso Pd in vista delle Amministrative 2012. Malumori che potrebbero a breve concretizzarsi con il tentativo di mettere in minoranza il segretario Alvino e ricomporre lo strappo con il sindaco Laurenzano.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 2,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *