alpadesa
  
Flash news:   Amarezza di Gioso Tirone alla presentazione del libro sul decennale del “Torneo Calcistico Stracittadino di Atripalda”. Foto Amministrazione sotto attacco, il sindaco replica duramente: «L’ex assessore Landi non sa di cosa parla ma è arrivato il momento di replicare a queste continue provocazioni. Noi la giunta della concretezza. Parla di mancato incoraggiamento al libero pensiero ma poi querela le testate locali» Festeggiamenti San Sabino: stasera PFM in concerto in piazza Umberto, domani processione del Patrono Rogo all’Ics di Pianodardine, l’Arpac: “livelli di diossina sotto la soglia di pericolo già sabato” L’ex assessore Mimmo Landi all’attacco: “solo autocelebrazioni dall’Amministrazione mentre il fallimento è sotto gli occhi di tutti” Idea Atripalda chiede al Comune di aderire a WiFi4EU per promuove il libero accesso alla connettività Wi-Fi Avellino calcio, info biglietti per le prossime gare dei lupi Green Volley, la Piscina Comunale di Mercogliano ospita la preparazione delle atlete atripaldesi Gestione Centro Informagiovani della Dogana, il Comune affida il servizio per il prossimo triennio alla Misericordia di Atripalda Al via i lavori di rifacimento stradale di via Manfredi e via Pianodardine. Foto

Antica Abellinum, salta questa mattina la riconsegna alla Soprintendenza del sito archeologico. Guarda le Foto

Pubblicato in data: 3/10/2011 alle ore:14:21 • Categoria: Attualità, CulturaStampa Articolo

abellinum-mancata-riconsegnaL’Antica Abellinum di Atripalda va in malora e la Soprintendenza chiede l’intervento dell’Autorità giudiziaria. Resta ancora chiuso il parco archeologico di via Manfredi con il patrimonio storico a rischio intemperie. Un braccio di ferro tra Soprintendenza e famiglia dello Iacono che prosegue da decenni e che stenta a concludersi: questa mattina era prevista l’esecuzione dell’ordinanza di riconsegna temporanea del parco archeologico per 60 giorni alla Soprintendenza, in modo da consentire dei lavori urgenti di messa in sicurezza, ma la famiglia Dello Iacono non si è presentata all’appuntamento.
Alle ore dieci presso l’ingresso di via Manfredi c’era la Soprintendenza con i dirigenti Riccardo Capuano e Maria Fariello, operai e custodi con il direttore dei lavori Matteo Sessa, il sindaco Aldo Laurenzano, l’ex assessore Nancy Palladino, la segretaria generale del Comune Clara Curto, Carabinieri e Vigili Urbani. Si è atteso per oltre un’ora l’arrivo dei proprietari Dello Iacono. Ma alla fine i cancelli sono rimasti chiusi da lucchetti con gli scavi esposti ancora a deterioramento.
abellinum-mancata-riconsegna2Il direttore amministrativo della Sovrintendenza ai beni archeologici di Avellino, Benevento, Caserta e Salerno, dottor Riccardo Capuano, ha informato così l’autorità giudiziaria del mancato accesso all’area archeologica. La magistratura a breve dovrebbe emettere un’ordinanza di sequestro cautelativo da eseguire attraverso i Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale. «Abbiamo l’interesse alla tutela del monumento – afferma il dottor Riccardo Capuano – perché così com’è il parco archeologico è esposto alle intemperie: da più di tre mesi è senza manutenzione, con un danno gravissimo al patrimonio dello Stato. E di questo informerò l’autorità giudiziaria dalla quale ci aspettiamo un provvedimento cautelativo che consenta di poter svolgere lavori urgenti di manutenzione per proteggere gli affreschi delle pareti della domus romana».
abellinum-mancata-riconsegna4Un patrimonio che sta rischiando di andare in malore a causa dello stato di forte abbandono in cui versa, tra erbacce e con gli affreschi della domus rimasti esposti al sole e alla pioggia. Senza che nessuno possa entrare a porre rimedio. A lanciare l’allarme è il direttore dei lavori della Soprintendenza, architetto Matteo Sessa: «Bisogna completare la nuova copertura sulla domus per preservare gli affreschi e le strutture murarie. Mancavo poco ma la sentenza del Tar con la riconsegna dell’area alla famiglia Dello Iacono ha impedito il completamento dell’intervento. Una copertura più alta, in sostituzione della precedente, che consente una maggiore aerazione visto lo scambio termico abbastanza serio che c’è qui. I sigilli al parco hanno impedito al personale, circa una decina impiegato nel parco, di poter effettuare quella manutenzione giornaliera necessaria per conservare nel tempo l’area archeologica. Perciò dobbiamo intervenire subito per scongiurare un danno al patrimonio».
abellinum-mancata-riconsegna3Superate anche le incomprensioni tra sindaco ed ente di tutela. Proprio il primo cittadino aveva nel mese scorso diffidato la Soprintendenza ad essere informato sui reperti. «Al sindaco preme molto che i materiali ed i reperti restino ad Atripalda – afferma la dottoressa Maria Fariello -. Non c’è motivo di trasferirli. Per il nuovo procedimento di esproprio ci vorranno almeno tre o quattro mesi». Incomprensioni superate anche per il primo cittadino: «Il sequestro dell’area rappresenta un ulteriore passo verso la restituzione dell’area archeologica alla cittadinanza – afferma Aldo Laurenzano -. Prendo atto che le mie sollecitazioni verso la Soprintendenza hanno avuto un effetto positivo e mi auguro che la procedura di esproprio avviata possa concludersi con un successo».
Ad accompagnare il sindaco Laurenzano l’ex assessore al Parco Archeologico Nancy Palladino: «Una vicenda che ho molto a cuore e che voglio seguire fino alla fine indipendentemente dalle vicende politiche. Aspettiamo qualche altro giorno sperando che si risolva tutto al più presto visto che i reperti sono a serio rischio deterioramento».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *